Terremoto, miagolio sotto le macerie dopo 16 giorni (VIDEO)

di Redazione Commenta

Un miagolio sotto le macerie, flebile ma continuo, a 16 giorni dal terremoto. A sentirlo, i vigili del fuoco mentre perlustravano tra detriti e calcinacci di una casa crollata ad Amatrice con l’intento di recuperare oggetti dei proprietari che credevano il loro compagno a quattro zampe ormai morto. E invece, gatto Pietro, questo il nome del micio, è stato estratto vivo e salvato dai vigili del fuoco. Il gatto in condizioni molto critiche, è stato poi soccorso in ambulanza dal personale Enpa e portato in una clinica veterinaria di Rieti.

 

 

 

Era parso già un miracolo il primo salvataggio di una gatta dopo 6 giorni dal sisma; poi quello del golden Romeo dopo 9 giorni; e ancor più incredibile l’ultimo, quello della micia Carina dopo 12 giorni.

 

Ora quest’ultimo caso, va oltre il miracolo. Questo gatto ha trascorso sedici giorni sotto le macerie di Amatrice, sepolto sotto una spessa coltre di detriti e calcinacci in condizioni estreme e di totale avversità alla sopravvivenza: senza cibo, senza acqua eccetto forse qualche goccia di pioggia, avendo a disposizione pochissima aria.

 

Eppure gatto Pietro, una roccia in un cuore felino, è riuscito a sopravvivere. E si è fatto sentire sia pure con deboli lamenti e miagolii essendo allo strenuo delle forze, quando si è accorto della presenza di qualcuno sopra la sua testa: i vigili del fuoco increduli come i proprietari del micio, lo hanno estratto vivo, e hanno postato su twitter le immagini dell’incredibile salvataggio. Anche i suoi familiari sbaloriditi ed emozionati,non credevano ai loro occhi.

 

Subito il micio, in condizioni molto critiche è stato portato al Posto Veterinario Avanzato di Enpa ad Amatrice. Dopo una prima visita, l’ambulanza Enpa Isotta, l’ha trasportato a sirene spiegate in una clinica veterinaria di Rieti dove è stato sottoposto a vari esami e  radiografie.

 

Per gatto Pietro la prognosi è riservata: ha la mandibola fratturata e dovrà essere operata; valori renali alterati; la situazione del bacino è compromessa; necessita di cure per essere reidratato. Ma tutti stanno facendo il possibile perché si salvi.

 

 

Fonte ansa.it

Fonte video youtube.com

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>