10 animali salvati dalle macerie (FOTO)

di Redazione Commenta

Animali vittime del terremoto, proprio come i loro familiari umani. Soccorsi, salvati, portati in braccio feriti e ricoperti dalla polvere, traumatizzati, o che non vogliono lasciare ciò che resta della loro casa, con lo sguardo atterrito. Oppure estratti vivi, ma persi e ritrovati come Lola, o che hanno perso i loro affetti e non potranno mai più rivedere i loro proprietari. Tante storie e tutte da ricordare. La cronaca di questi drammatici giorni da Amatrice e dai comuni nel reatino e nell’ascolano funestati dal terremoto ci riporta, tra tanti casi di animali che non ce l’hanno fatta,  storie comunque a lieto fine di animali tratti in salvo grazie alla meritoria opera svolta da Enpa, Guardie zoofile, Forestali, Lav, Vigili del fuoco. Ve le proponiamo in 10 foto.

 

vigile del fuoco porta barboncino estratto dalle macerie

 

 

 

1 ) Lola salvata, persa e ritrovata

Sopravvissuta ai crolli, la cagnetta Lola estratta dalle macerie di Amatrice, si era persa. Forse scappata per lo spavento, non era più stata trovata e Valerio il suo ‘papà’ umano disperato, aveva lanciato appelli ovunque. Valerio ha perso tutto: la moglie e i due figli sono morti nel terremoto, la casa non esiste più. Non aveva che la cagnolina, superstite come lui. Lola è stata ritrovata dai volontari Enpa. Sottoposta a visita di controllo presso il Posto veterinario avanzato allestito da Enpa nella zona rossa di Amatrice, ha poi potuto riabbracciare Valerio.

 

cane in visita veterinaria

 

Photo credits  facebook.com

 

2 ) Gigia, salvata dopo 6 giorni sotto le macerie

Gigia è stata trovata dai vigili del fuoco dopo sei lunghi giorni: tanto è riuscita a resistere sotto le macerie della sua casa crollata ad Amatrice. E’ stata consegnata a Daniela, la proprietaria che in quei giorni pregava i vigili del fuoco di ritrovare la sua gatta. Daniela nel terremoto ha perso tutto. E Gigia è tutta la sua famiglia ora.

 

 

gatta salvata terremoto

 

Photo credits twitter.com

 

 

3 ) Un piccolo vagabondo tra le case distrutte

 

Questo è uno dei due cani, si chiamano Batuffolo e Pilù, che i volontari dell’Enpa hanno recuperato mentre vagavano tra le rovine di Villanova di Accumoli, e portato nel rifugio Enpa di Perugia riuscendo a rintracciare il proprietario.

 

cane tra macerie del terremoto

Photo credits  twitter.com

 

 

 

 

4 ) Kid il cane che non lascia la casa adottiva distrutta

Kid è un cane di Pescara del Tronto, era il cane del paese. Sostava sempre davanti a una casa perché i proprietari che ora vivono in una tendopoli, gli davano da mangiare. Ora che la casa è distrutta, non si muove da lì. La sua tristezza e sofferenza sono più che visibili, respira a fatica, eppure non vuole lasciare quei luoghi né mangiare anche se i soccorritori cercano di  prendersi cura di lui. Aspetta il ritorno dei suo cari umani.

 

 

cane impaurito

 

Photo credits twitter.com

 

 

 

5 ) Il terrore negli occhi

 

In un casolare di campagna sono stati trovati e salvati due cani dai volontari Enpa nell’intensa attività di soccorso che stanno svolgendo nelle zone dell’emergenza. Uno dei due è microchippato; l’altra è una cagnolina incinta di cui nell’immagine in primo piano si può vedere lo sguardo ancora atterrito.

 

 

Due cani spaventati

 

Photo credits  twitter.com

 

6  ) Una gatta tra le braccia delle volontaria

Una gatta salvata da una casa pericolante si lascia confortare da una volontaria.

 

gatto in braccio a una volontaria Enpa

 

Photo credits  twitter.com

 

7  ) Sette galline messe in sicurezza

Nell’area del terremoto, l’Enpa sta prestando socccorso sia agli animali domestici che d’allevamento o che vivono in campagna. Sette galline nelle campagne di Pescara del Tronto (Ascoli Piceno) sono state recuperate e messe in sicurezza dai volontari.

 

galline

 

Photo credits twitter.com

 

8  ) Una delle due tartarughe trovate vive

Non solo unità cinofile ferite, ma anche animali vaganti o di proprietà, di ogni specie sono stati soccorsi e messi in sicurezza. In questo caso si tratta di due tartarughe trovate miracolosamente vive tra le macerie di Amatrice dai Vigili del Fuoco.

 

tartaruga

Photo credits twitter.com

9  ) La mucca partoriente

Anche nelle campagne animali in grande difficoltà. In una stalla i volontari Enpa hanno portato alimenti e flebo a una mucca partoriente.

 

 

mucca in una stalla

 

Photo credits twitter.com

 

 

10  )  Il barboncino estratto dopo 30 ore

 

Dopo 30 ore sotto le macerie questo barboncino, ferito e ricoperto di polveri ma vivo, è stato salvato dai Vigili del Fuoco e  riconsegnata alla proprietaria in lacrime quando ormai aveva perso ogni speranza.

 

vigile del fuoco porta barboncino estratto dalle macerie

 

Photo credits twitter.com

 

 

Se vi è piaciuta questa fotogallery non perdete la prossima

10 cani eroi del terremoto (FOTO)

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>