Tartarughe di terra: guida alla corretta alimentazione

di Redazione 2

Le testudo hermanni, tartarughe di terra, sono animali vegetariani che che necessitano di una dieta equilibrata, ricca di sali minerali, fibre e vitamine, ma povera di grassi e proteine animali. La dieta deve essere varia, formata principlamente di verdure, con un buon rapporto tra calcio e fosforo. Ad esempio sono ottimali il trifoglio, il tarassaco e la malva, ma saranno apprezzate anche insalata tipo invidia, cicoria e lattuga: cercate di non somministrare sempre la stossa pianta ma di variare, per quanto possibile, la sua dieta.

Oltre alla verdura, la vostra testuggine gradirà molto la frutta: ma attenzione, somministrate frutta in quantità inferiore rispetto alla verdura perchè potrebbero far nascere nell’animale dei parassiti intestinali! Frutta ben matura come cocomeri o albicocche, fragole, meloni o pesche, è ricca di zuccheri: non somministrate agrumi, i kiwi e la frutta acerba, che possono provocare diarrea.

I pomodori invece vanno somministrati solo in rare occasioni, massimo una volta la settimana in quanto trattatsi di verdura che limita l’assimilazione del calcio. Stesso discorso vale per molluschi, lombrichi e lumache: il guscio è ricco di calcio. Inutile ricordare di evitare di dare alla tartaruga frutta e vedura trattata con pesticidi: sarebbe dannosa per la sua salute, per cui dategli una lavata prima di somministrarla.

E se per caso nella vostra pescheria di fiducia notate un bell’osso di seppia? Prendetelo e datelo alla vostra testuggine: lo apprezzerà e lo sgranocchierà. L’osso di seppia è ricco di calcio ed è fondamentale per la corretta crescita del carapace, il guscio della tartaruga. Sono sconsigliati tutti quegli alimenti che la tartaruga non potrebbe reperire in natura: quindi niente formaggio o pasta o altre ghiottonerie che non verrebbero correttamente assimilate ed assorbite dall’organismo.

Il cibo per cani e gatti è molto apprezzato dalle tartarughe ma sappiate che non è molto salutare per loro: infatti contiene un apporto proteico errato che con il tempo porterebbe ad una malformazione del carapace. Fonte

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>