Pet Therapy e anziani: gli animali come supporto alle terapie tradizionali

 
Daniela
3 novembre 2009
commenti

pet therapy e anziani Pet Therapy e anziani: gli animali come supporto alle terapie tradizionali

Abbiamo parlato più volte dell’importanza della Pet Therapy, ovvero gli animali come terapia, e oggi vogliamo parlarne dal punto di vista dei benefici che gli amici a quattro zampe possono portare agli anziani. La presenza di un animale domestico nella casa o nella vita di un anziano è molto importante per il suo benessere psicologico, perché è fonte di stimoli; il rapporto che si crea con l’animale aiuta a rilassarsi e a distendere i pensieri, e nel caso delle persone sole, è fonte di affetto.

Ovviamente l’anziano che possiede un animale domestico è costretto ad una maggiore attività rispetto a quello che non ce l’ha, perché nel caso di un cane, deve portarlo a passeggio e, in quello del gatto, deve spazzolarlo, e in entrambi i casi, deve dargli da mangiare, pulire la ciotola e la lettiera.

La Pet Therapy è applicata anche nelle strutture per anziani, e ad essere impiegati in questi progetti sanitari sono sopratutto i cani. Le iniziative definite “attività assistite da animali”, prevedono occupazioni simili a quelle che gli anziani potrebbero svolgere nella loro abitazione, mentre quelle chiamate “terapie assistite da animali” prevedono la presenza degli animali come supporto ai farmaci, per migliorare le funzioni sociali ed emotive delle persone coinvolte nell’attività.

La presenza degli animali nella struttura, che può essere la casa di riposo, ma anche l’ospedale è molto importante perché può costituire ottimo stimolante in caso di demotivazione, di tristezza e di depressione latente; il fatto di prendersi cura di animale, favorisce l’autostima e il senso di responsabilità, e inoltre, permette di socializzare con gli altri ospiti o degenti.

Gli animali collaborano anche per aiutare quelle persone che hanno difficoltà di movimento, perché anche chi crede di non riuscire a fare più un certo movimento, avendo un animale vicino, si sente invogliato a muoversi per andargli vicino e accarezzarlo. Inoltre, l’effetto calmante garantito dalla vicinanza di un animale fa si che chi soffre di pressione alta, abbia un abbassamento dei valori, in modo da assumere meno farmaci e quindi, avere degli ottimi benefici a livello fisico oltre che psicologico.

Commenta!

Articoli Correlati
Pet therapy con cani per bimbi in neuroriabilitazione

Pet therapy con cani per bimbi in neuroriabilitazione

La pet therapy può aiutare anche i bambini neurolesi. Oggi vi raccontiamo di una delle tante modalità in cui questa terapia si può sviluppare e che riguarda una struttura sanitaria […]

Pet Therapy in corsia nell’ospedale di Arezzo

Pet Therapy in corsia nell’ospedale di Arezzo

Una bella novità nell’ospedale San Donato di Arezzo: in corsia una bambina di sei anni può contare su un infermiere di eccezione, il suo cagnolino, Jacky, un pastore australiano di […]

Pet Therapy per favorire l’integrazione al Cie di Torino

Pet Therapy per favorire l’integrazione al Cie di Torino

La Pet Therapy è una vera risorsa e il tempo lo sta dimostrando, come nel caso del Cie di Torino, il Centro di Identificazione ed espulsione degli stranieri irregolari. I […]

Pet therapy con i cani nelle case di cura per anziani a Roma e provincia

Pet therapy con i cani nelle case di cura per anziani a Roma e provincia

Proprio in questi giorni è stato presentato a Roma un interessante progetto che coinvolge i cani, non più giovanissimi, dei diversi canili presenti sul territorio, in attività di pet therapy […]

La Pet Therapy per gli anziani

La Pet Therapy per gli anziani

Sono una di quelle persone che ha avuto la fortuna di toccare con mano le potenzialità della Pet Therapy, grazie agli animali ho sentito parlare una donna anziana che non […]