Perché il cioccolato fa male ai cani?

 
Stefano Petrone
29 ottobre 2011
commenti

animali domestici cioccolato Perché il cioccolato fa male ai cani?Oramai lo sanno praticamente tutti: non bisogna dare da mangiare il cioccolato ai cani. Arrivano le “feste dei dolci”, Halloween e Natale sono dispense di dolci, i vostri amici a quattro zampe ve lo chiederanno insistentemente e voi dovrete tenere duro e fare la parte del padrone insensibile. Tutti lo sanno, ma quanti sanno perché il cioccolato fa male ai cani?

Iniziamo ad analizzare i sintomi che si verificano qualora il vostro cane ingerisca cioccolato:
– Respiro accelerato o presenza di affanno
– Aumento della sete
– Aumento o diminuzione della frequenza cardiaca
– Perdita di coordinazione muscolare
– Tremori muscolari
– Irrequietezza
– Iperattività
– Convulsioni
– Vomito
– Diarrea

Come vedete sono effetti collaterali non da poco per la salute del cane, da cosa sono realmente provocati questi sintomi? Cioccolato al latte e cioccolato fondente contengono tossine chiamate  metilxantine (methylxanthines) in forma di caffeina e teobromina (theobromine)La caffeina è un noto stimolante mentre la  teobromina aumenta la produzione di urina, rilassa i vasi sanguigni e stimola il cuore, questo basterebbe a spiegare parte dei sintomi che si verificano.

Ecco perché il cane non deve mangiare cioccolata, con l’ingestione di 9 mg per chilo di peso corporeo di caffeina o teobromina si iniziano a notare i primi sintomi. Iniziano a verificarsi sintomi gravi a circa 20 mg/lb che possono sfociare in convulsioni e morte del vostro amico a quattro zampe all’arrivo dei 27 mg di teobromina e caffeina per libbra (ricordiamo che 1 lb = 0.45 kg) di peso corporeo. Il cioccolato al latte contiene ben 58 mg/oz (1 oz = 0.06 lb) di teobromina, quindi una dose inferiore a 1 g di cioccolato al latte per ogni chilo di peso corporeo potrebbe potenzialmente causare la morte del cane. Ricordate che più amaro è il cioccolato e maggiore è il livello di teobromina quindi aumenta la probabilità di intossicazione.

Cosa fare se il cane mangia il cioccolato? Per prima cosa chiamate il vostro veterinario, valuterà la situazione e probabilmente vi spiegherà come farlo regurgitare, deve liberarsi nel minor tempo possibile delle sostanze per lui tossiche contenute nel cioccolato. Se ne avete la possibilità prendete nota del tipo di cioccolato e stimate la quantità consumata.
Abbiamo visto perché la cioccolata fa male ai cani e soprattutto cosa può provocare, se gli volete bene fate attenzione e ricordate che per i cani il cioccolato è veleno come lo sono uva, aglio e altri cibi.

Fonte

Commenta!

Articoli Correlati
Per i cani la Pasqua è buona anche senza cioccolato

Per i cani la Pasqua è buona anche senza cioccolato

In vista delle festività pasquali l’Anmvi (l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) ricorda ai proprietari che il cioccolato è nocivo per gli amici a 4 zampe. Come sottolineano gli esperti il […]

Cioccolato pericoloso per i cani, in quale quantità?

Cioccolato pericoloso per i cani, in quale quantità?

Il cioccolato è tossico per il cane. Quante volte lo abbiamo sentito dire? Tante, eppure non è mancato di osservare Fido sgranocchiare un biscottino al cacao o assaporare un cioccolatino, […]

Cioccolato ai cani, vietato anche ad Halloween

Cioccolato ai cani, vietato anche ad Halloween

Le festività per noi umani sono spesso sinonimo di dolci al cioccolato, ma come sempre in queste occasioni è importante ricordare che tale gustosissimo alimento è fortemente tossico per i […]

Natale: niente cioccolato agli animali

Natale: niente cioccolato agli animali

Le feste natalizie sono un tripudio di cioccolato e biscotti, pieni zeppi di zucchero e sostanze grasse che certamente non devono essere somministrate ai nostri amici a quattro zampe. Pochi […]

Animali domestici, occhio ai dolci al cioccolato di Halloween

Animali domestici, occhio ai dolci al cioccolato di Halloween

Halloween si avvicina e cogliamo l’occasione per ricordarvi di segnalare movimenti sospetti e scomparsa di gatti neri alle autorità competenti e di stare molto attenti a non far uscire il […]