Terremoto, per gli animali è ancora emergenza

di Redazione Commenta

A un mese di distanza dal terribile terremoto che ha sconvolto l’Italia centrale, non è terminata l’emergenza animali. Operative nelle zone colpite sono l’Enpa che, presente da subito, di animali ne ha salvati quasi mille; la Lav che ha portato a termine un ricongiungimento insperato; la Lega Nazionale per la Difesa del Cane che da giorni assiste famiglie con cani e gatti ma anche animali vaganti, per garantire cibo e medicinali e chiede la collaborazione di tutti.

 

gatto-con-proprieatria-e-volontaria-lav

 

Scugnizzo, un gatto dal pelo nero, ribattezzato ‘Salvo’ a un mese esatto dal sisma ha potuto riabbracciare la sua proprietaria Simonetta e con lei gli altri 4 gatti e 3 cani che fanno parte della famiglia. Un segnale di speranza in tanta disperazione e nell‘emergenza animali che non è certo terminata.

La Lav da due settimane si è occupata di Salvo, ritrovato tra le macerie di Accumoli, lo ha ricoverato in clinica e accudito al meglio; non ha mai smesso di cercare la sua famiglia fino allo sperato ricongiungimento.

In prima linea sul fronte del sisma c’è l’Enpa che ininterrottamente continua a operare e ad assistere gli animali. Inoltre, da qualche giorno, un team composto da attivisti della Lega Nazionale Difesa del Cane, Guardie Zoofile e veterinari accompagnati dall’unità mobile di soccorso veterinario dell’associazione sono nell’area per soccorrere animali.

Molte le famiglie con cani e gatti a seguito assistite con distribuzione di cibo e medicinali, antiparassitari e tanto altro sono stati assicurati anche agli animali rimasti soli. Diverse cucce per cani, con e senza proprietario, in modo da offrire loro un riparo ora che il tempo sta cambiando.

La vera emergenza al momento riguarda i numerosissimi gatti che popolano la zone colpite dal sisma e che Lndc, con altre associazioni, sta assistendo e monitorando con l’obiettivo di trovare la soluzione migliore per loro.

Quelli con patologie più gravi sono stati ricoverati presso strutture veterinarie dove potranno essere accuditi e curati meglio di quanto si possa fare sul campo. L’Associazione chiede un piccolo aiuto per continuare nella missione.

Le donazioni possono essere inviate tramite bonifico bancario all’IBAN IT96P 06095 46040 000010115163 intestato a Lega Nazionale per la Difesa del Cane oppure con bollettino postale o PayPal, indicando come causale “Emergenza terremoto Umbria-Lazio”.

 

Fonte lav.it   legadelcane.org  e twitter.com

Photo credits lav.it

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>