Vacanze con cani e gatti: le regole di viaggio

viaggiare con animali

Spesso il problema di chi ha un animale è quello di andare in vacanza, perché viaggiare con il proprio amico a quattro zampe non è sempre facile. Vediamo insieme qual è la normativa relativa ai principali mezzi di trasporto.

Il trasporto degli animali a bordo dei treni è regolamentato da alcune semplici norme; gli animali di piccola taglia possono viaggiare gratis purché custoditi all’interno di trasportini che non superino le dimensioni di 70x50x30. I cani di piccola taglia possono viaggiare vicino al padrone, purché sorvegliati e all’interno della seconda classe, pagando il 40% del prezzo del biglietto. I cani di grossi taglia sono ammessi purché non rechino disturbo, e devono essere tenuti al guinzaglio e con la museruola; in questo caso, oltre al pagamento del 40% del prezzo del biglietto deve essere prenotato l’intero scompartimento.

Generalmente tutte le compagnie aeree permettono il trasporto di animali di piccola e media taglia insieme al padrone, pur all’interno dei trasportini, ma ognuna ha un proprio regolamento e quindi la cosa migliore da fare prima di prenotare, è quella di informarsi sulle normative della compagnia. Per i cani di grossa taglia, cioè quelli che superano i 10 chili di peso, vige la normativa che prevede il viaggio nella stiva all’interno di apposite gabbie.

Canili comunali e oasi feline in bancarotta a Roma

canili Roma

I canili comunali sarebbero ai ferri corti in molte città italiane. In particolare, nella capitale la situazione si fa sempre più insostenibile. Non arrivano abbastanza fondi dalle istituzioni e i volontari ricorrono al fai-da-te, organizzando collette, sfruttando l’amore per gli animali di veterinari disposti a vaccinare e sterilizzare gratuitamente le centinaia di randagi che affollano le strade e le strutture preposte.

La denuncia di Simona Novi, membro dell’associazione Volontari Canile di Porta Portese, non lascia adito a dubbi: la situazione è ormai sull’orlo del tracollo.

Siamo arrivati al punto del “fai da te”.  La miccia è scoppiata ai primi di ottobre, quando abbiamo chiesto all’Utba, l´Ufficio Tutela benessere animali del Comune, l’autorizzazione al ricovero e all’intervento chirurgico di un gatto che aveva riportato gravi fratture. Ci è stato risposto che non c’era più disponibilità economica. Ci siamo rimboccati le maniche, come facciamo da un anno, e abbiamo chiesto, per curare il gatto, donazioni ai cittadini su Internet e nei nostri tavoli informativi.

Scegliamo il nome per il nostro cucciolo!

Un cane non è completo senza il suo nome. Proprio come noi esseri umani. E’ molto difficile scegliere il nome giusto per un bambino, in fondo quando è ancora così piccolo non sappiamo come rispettare, attraverso il nome, quelle che saranno le sue caratteristiche fisiche e caratteriali. Lo stesso discorso vale anche per i cani!

Chiamare Macchia un Dalmata diventa banale, ma se poi il nostro cucciolo sviluppa una simpatica macchia sull’occhio, che magari lo caratterizza, perchè non ne ha altre sulle orecchie e sul collo? E’ un Rottweiler possiamo mai chiamarlo Bruto? E se invece poi il cucciolone si mostra schivo, riservato…. bruto? Insomma, ardua scelta. Innanzi tutto qualche semplice dritta allora.

I nomi che normalmente utilizziamo per gli esseri umani: Marco, Paolo, Carla, Camilla, Osvaldo, Piero, Silvia, Chiara. Diciamo che non è il caso, ma non per fare delle discriminazioni, ma proprio perchè i cani non sono esseri umani, hanno bisogno di nomi brillanti, freschi, spiritosi ma anche seri senza alcun problema, però non nomi di persona! I gusti sono gusti comunque e tutti sono liberi di fare quello che credono, ma un cane è più giusto che si chiami Black e non Luca! Poi ci sono casi e casi. Conoscevo un Basset Hound, e il suo nome era stato deciso già prima che arrivasse in casa: Ugo. Perfetto! Ci sono sempre le eccezioni che confermano la regola.

Il veterinario della mutua arriva a Torino

veterinario gratis torino

Avete sempre pensato che portare un animale dal veterinario fosse troppo caro? Bene a Torino è stata istituita la mutua per gli animali, un servizio che prevede visite, analisi ed esami, gratis o a prezzi scontati, per gli amici a quattro zampe.

L’associazione animalista Enpa ha attivato dalla settimana scorsa un servizio veterinario di base gratuito presso un canile municipale di Torino, presso il quale sarà possibile far effettuare al proprio animale una visita di base, e quindi diagnosticare eventuali patologie e avere la prescrizione di una terapia. Potranno usufruire di questo servizio, attivo dal lunedì al venerdì, tutti quelli che hanno adottato un animale in un canile e le persone con problemi economici in possesso di un’apposita dichiarazione rilasciata dal Comune.

Il trasportino, animali domestici in viaggio (fotogallery)

trasportino 4Portare il cane o il gatto dal veterinario, soprattutto quando sono ancora piccoli e non abituati al contatto con gli estranei, sarebbe un’impresa senza l’uso del trasportino. Soprattutto per i gatti che difficilmente sopportano i guinzagli è essenziale dotarsi sin da subito delle apposite borse a tracolla o di un comodo trasportino tradizionale.  Utile anche nei viaggi in auto o in treno per evitare che il gatto rimanga libero nell’abitacolo e ci intralci nella guida. Per i cani di grossa taglia l’uso del divisorio nella vettura è consigliabile.

In commercio esistono molti trasportini, acquistabili on-line o nei pet-store. Solitamente nei negozi specializzati più forniti possiamo sbizzarrirci maggiormente. Anche negli ipermercati nella sezione dedicata agli animali domestici se ne trovano di diversi tipi.  A variare sono le dimensioni, i colori, le forme, il tutto per accontentare le esigenze di ogni animale. Pensate che esiste anche il passeggino per cani. Quando acquistiamo un trasportino, è bene considerare che l’animale crescerà, e quindi prenderlo un po’ più grande per evitare di dover ripetere l’acquisto dopo qualche mese.

Salviamo i gatti neri da Halloween

gatti neri e halloween

Ci siamo: stasera sarà Halloween, la famosa “notte delle streghe”, una festa arrivata in Italia dall’America e dal Canada. A parte la tradizionale frase “dolcetto e scherzetto” e le celebri zucche, sono le superstizioni e le leggende popolari a farla da padrone in questa notte.

Se questa festa affonda le sue origini nelle tradizioni dei popoli precristiani del nord Europa, in particolare degli antichi Celti, oggi è diventata soprattutto un modo per sballarsi e fare confusione, e spesso a rimetterci sono i gatti neri, da sempre considerati portatori di sfortuna.

La Sindrome da Canile

sindrome da canile

Il sito internet dell’ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) ci fornisce moltissime informazioni utili che riguardano aspetti come la legislazione sugli animali, così come curiosità varie e altri servizi, e in più ha anche una sezione in cui vengono trattate alcune patologie con i loro relativi rimedi. Io personalmente sono rimasta colpita e incuriosita da questa Sindrome da Canile.

A differenza di quanto si possa immaginare, basandosi sul nome, questa patologia comportamentale non riguarda solamente i cani che hanno vissuto nei canili prima dell’adozione, ma può riguardare anche quegli esemplari che vengono tenuti magari in allevamenti molto grandi, o che vivono in cascine e case di campagne. Non è necessario che i cani vengano lasciati a se stessi, ma semplicemente chi si prende cura di loro (e anche nei canili ci sono persone che fanno i salti mortali per far stare i cani in ambienti puliti e adatti alle loro esigenze) involontariamente crea uno sviluppo comportamentale negativo. Il fatto di vedere sempre solo la stessa persona, ma anche sempre lo stesso genere di persona (solo uomini o solo donne), di vivere in ambienti senza alcun rumore, e magari non solo eccessivamente silenziosi, ma anche poco illuminati, oppure vivere sempre al chiuso o sempre solo all’aperto, nei primi mesi di vita dei cuccioli crea tutta una serie di imprinting negativi che poi gli renderanno estremamente difficile la vita da adulto.

Cani yoga, la meditazione è a quattro zampe (fotogallery)

cane yoga foto 1Amanti dello yoga e proprietari di cani, cosa avranno mai in comune vi chiederete. E se i nostri amici a quattro zampe conoscessero l’arte dell’armonia e della meditazione? La fotogallery che vi proponiamo oggi vi mostra proprio dodici posizioni classiche della disciplina orientale, con interpreti d’eccezione cuccioloni di tutte le razze.

L’attività fisica è indispensabile al cane per liberare l’energia repressa, soprattutto quando vive in spazi limitati. Inoltre riduce il rischio di malattie, di aggressività e aiuta il nostro amico a quattro zampe a ridurre il livello di stress, fattore di rischio per lo sviluppo di tumori, diabete, obesità, disturbi del comportamento.

Petbook, il social network per gli animali domestici

petbook

Lo confesso, prima di capire bene quello che il mio computer mi stava mostrando sul monitor ho avuto brividi a fior di pelle e sudore freddo. “Petbook, il Facebook per gli animali domestici”. E quindi, questo cosa significa? Che registro il mio cane, il mio gatto, il mio coniglio o il mio criceto e poi lo faccio interagire con gli altri animali e carico le sue foto, come se fosse lui lì davanti al pc, come se avesse non la sua fantastica personalità animale ma una pseudoumana? Fortunatamente niente di tutto questo!

Petbook è un’idea tutta italiana, è un Animal Network nato con l’intenzione di mettere in comunicazione tra loro tutti gli amanti degli animali, in modo che possano scambiarsi foto, opinioni, racconti, confidenze, idee simpatiche e suggerimenti, un po’ come accade per tutti i social network, che al momento vanno per la maggiore praticamente in tutto il mondo!

L’Angora, il gatto che viene dalla Turchia

gatto d'angora

Nel nostro viaggio alla scoperta delle razze di gatti a pelo lungo, oggi ci occuperemo del gatto d’Angora; le origini di questo splendido animale sono turche, ed è il “progenitore” della razza Persiana. La città turca di Ankara (ovvero Angora) fu la città che per antonomasia designava i felini a pelo lungo, tanto che per decenni tutti gli animali con questa caratteristica venivano definiti Turchi o d’Angora.

I primi esemplari provenienti dalla Turchia possedevano occhi a mandorla blu, oppure uno blu e l’altro color arancio, oggi in genere, il colore degli occhi si accorda con quello del mantello; gli Angora bianchi con occhi blu possono essere sordi dalla nascita. Questa razza di gatto possiede un corpo snello, un po’ più lungo di quello del Persiano, e sembra molto robusto a causa della pelliccia abbondante.

Orecchie dei cani, come e quando pulirle

 orecchie-709520

Le orecchie dei nostri amici a quattro zampe sono delicate e necessitano di una cura e pulizia delicata: vietato utilizzare bastoncini in cotone, meglio optare per le apposite soluzioni che si trovano in commercio e che permettono di detergere l’animale senza provocargli dolore. E’ importante ricordare che la pulizia periodica delle orecchie permette di combattere l’insorgere di malattie infettive, soprattutte per i cani che hanno delle orecchie importnti, pendule.

Occorre in primo luogo osservare il padiglione auricolare interno e, per quanto possibile, ispezionare l’inizio del condotto uditivo: se si notano secrezioni anomale, cattivo odore, arrossamenti allora è il caso di acquistare un orodotto specifico e pulire le orecchie.

La pulizia periodica è necessaria per evitare che il secreto auricolare possa determinare una infiammazione del condotto e provocare ad esempio otiti o oltre forme infettive: è necessario tenere pulito dai peli il condotto uditivo e per tale motivo occorre eliminare i peli in eccesso che lo possono occludere. Si prende un ciuffo di peli tra pollice e indice e si tira con decisione verso l’esterno, per evitare di far male all’animale si possono anch tagliare con le forbicine, ma cresceranno più rapidamente.

Se si nota che l’animale scuote costantemente la testa, la piega su un lato e si gratta spesso le orecchie allora è meglio rivolgersi al veterinario per valutare tutto il condotto auricolare ed escludere la presenza di corpi estranei: in tal caso evitate di improvvisarvi veterinari cercando di estrarre autonmamente il corpo estraneo dall’orecchio, poichè l’animale potrebbe soffrire ed il problema peggiorare.

In acqua con Fido, a Mantova la pet therapy si fa in piscina

pet therapy acquaPet therapy, se ne parla sempre più spesso come un metodo coadiuvante di cure accreditato. Questo perchè funziona e dà risultati molto spesso al di sopra delle aspettative. Il potere terapeutico di cani e gatti, efficace su numerose patologie, dalla depressione all’ansia all’autismo, può essere esercitato in varie modalità. Per aiutare a sconfiggere i traumi provocati dalla solitudine e gli stati depressivi negli anziani o la timidezza negli adolescenti è sufficiente avere un cane o un gatto in casa. Un animale domestico di cui prendersi cura, con cui  sentirsi capiti e amati.

Per patologie più complesse, come l’autismo, l’ausilio della pet therapy, lo sappiamo, è più complesso e afferisce ad una vera e propria metodologia gestita da esperti e mirata a risolvere problemi specifici. L’ultima frontiera in questo campo, di cui si sono occupati al Cnr (Centro Nazionale delle Ricerche), è l’impiego dei cani in piscina insieme ai bambini affetti da malattie psicosomatiche.

I cani nella storia: tra dipinti, esposizioni e le ultime due guerre

cani storia ultimo

Nel XVII secolo la passione per i cani da caccia cresce a dismisura. Abbiamo già conosciuto la discendenza dai lupi e ci siamo tuffati in un breve excursus storico, adesso concludiamo questo viaggio nel mondo dei cani nella storia, concentrandoci prima sull’apprezzamento e sull’amore che l’uomo nutriva e nutre per questo fantastico animale, per poi arrivare a una nota triste quando si parla di guerra, proprio come accade per noi esseri umani.

Eravamo nel XVII secolo, in Francia per la precisione. Qui i vari Re Luigi avevano mute per la caccia, i famosi bianchi del re, che accompagnavano i sovrani nelle battute, con il loro fare elegante, proprio come tutta la corte che partecipava alla caccia. A parte questo ormai quello dei cani era diventato un mercato, c’erano scambi, vendite, gare canine, corse, e un po’ tutti si appassionarono a questo fantastico animale che da sempre racchiude in sè molte caratteritische diverse. E’ bello e amichevole, nobile e modesto, forte, fedele, intelligente. L’uomo ama il cane, e i nobili e i sovrani decidono di imprimerlo nella storia, attraverso i dipinti.

Il Persiano, ovvero il gatto a pelo lungo per eccellenza

gatto persiano

Il gatto Persiano discende i linea diretta dal Gatto d’Angora e viene allevato ufficialmente dal 1871; il suo ingresso in Italia dalla Persia pare che risalga al 1700 grazie all’esploratore Pietro della Valle, che si innamorò di questi gatti dal pelo lungo e setoso. Circa cento anni dopo la razza fece il suo ingresso in Inghilterra e in Francia, dove fu incrociata con i gatti d’Angora per ottenere un mantello ancora più setoso e dalle tinte più varie. In Inghilterra i Persiani vengono chiamati “longhair”, cioè “a pelo lungo” e ogni colore è una razza a parte.

Fisicamente, il Persiano possiede una testa larga e di forma tondeggiante, con guance paffute e collo corto e muscoloso; gli occhi sono luminosi, grandi ed espressivi, e il loro colore deve essere in tinta con quello del mantello. Il corpo, generalmente lungo dai 40 ai 50 centimetri esclusa la coda, è forte e muscoloso; la coda è molto pelosa e termina con un pennacchio. La caratteristica principale del gatto Persiano è l’abbondanza del mantello, che è presente soprattutto nelle zone del collo delle spalle e delle zampe.

La colorazione del Persiano è basata su tre tipi: monocromatico bianco con occhi gialli, blu e arancio, monocromatico nero, crema, rossicci e azzurri con occhi arancio, e pluricromatico con gli occhi intonati al colore del mantello.