Il coniglio nano, caratteristiche e comportamento

di Daniela 13

coniglio nano

Il coniglio nano è nato dalla selezione del coniglio selvatico, diffuso in natura nell’Africa settentrionale e nell’Europa centro-meridionale; nel 1859 fu introdotto in Australia, dove si adattò con molta rapidità, tanto da riprodursi molto velocemente. Il coniglio nano, come quello selvatico, appartiene all’ordine dei Lagomorfi ed alla famiglia Leporidae.

Il coniglio nano pesa da 600 g. a 1200 g., e differisce da quello selvatico nella lunghezza, che va dai 30 ai 40 cm, nelle orecchie che sono più corte e dal muso più breve, che fa apparire la testa tondeggiante e tozza. Come il coniglio selvatico, anche quello nano, possiede 28 denti: 22 molari, 4 incisivi superiori e 2 incisivi inferiori, mentre mancano i canini; i molari della mandibola superano quelli della mascella, costringendo i conigli, come i ruminanti, ad una masticazione a movimenti laterali.

Il pelo è composto dalla lanugine, che costituisce la porzione più fitta e più corta, dalla giarra, formata dai peli più lunghi, ed infine dai peli tattili che ricoprono le labbra. La colorazione del pelo ha subito notevoli variazioni durante le selezioni; la prima è stata quella del coniglio selvatico, cioè grigio con sfumature nere, e le successive sono il bianco, il beige, il grigio-azzurro e argento, il nero, il bruno, e tutte le varietà pezzate. Esiste anche una varietà, molto ricercata, che presenta la stessa colorazione del gatto siamese.

Per la sistemazione del coniglio nano in casa, valgono le stesse attenzioni destinate alle cavie, e quindi gabbie il più grandi possibili. È importante sottolineare come una corretta alimentazione sia alla base della salute di questo piccolo mammifero, e quindi gli devono essere somministrati degli alimenti che gli assicurino un apporto calorico e proteico adeguato; alla base della dieta del coniglio ci deve essere una miscela composta da semi e mangime.

Il coniglio nano è uno dei più tranquilli mammiferi domestici, non morde e può essere tenuto in braccio e accarezzato, pur senza spaventarlo; è assolutamente sbagliato prendere i conigli per le orecchie. Il coniglio nano può vivere fino a 6-7 anni.

Commenta!

Commenti (13)

  1. Mi piacciono gli animali e vorrei far parte di questo sito

    1. Sonia in che senso vorresti far parte del sito? E’ libero per i commenti, ma se invece vuoi collaborare con noi prova ad inviarci una mail all’indirizzo [email protected] con le tue conoscenze ed esperienze in tema (non necessariamente il curriculum). Saremo lieti di valutarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>