Diamond The Diva, per aiutare i cani in difficoltà

di Redazione Commenta

Un cane maltrattato, che ha perso fiducia nel genere umano, ed una signora che ha tanto amore da darle. Sono questi gli ingredienti base di questa bella storia a lieto fine, le cui protagoniste sono Diamond, una cagnolina di otto anni che ha conosciuto solo dolore nella sua vita e Melinda McGuire, che da tempo cercava un’amico a quattro zampe. Ne è nato un progetto bellissimo per aiutare i cani in difficoltà, Diamond The Diva!

Diamond the diva

Quando è stata recuperata dai volontari di unì’associazione animalista la povera Diamond aveva tutta la pelle completamente bruciata da un acido, le sue orecchie tagliate male e infette, infezione che si era estesa anche ai polmoni, una magrezza sconvolgente. Non un bel biglietto da visita ma le volontarie non si sono arrese e sono riuscite, dopo una lunga cura e riabilitazione, a  trovarle una mamma umana! Peccato che la cagnolona non potesse in alcun modo esporsi alla luce del sole, a causa della pelle bruciata e dei tagli ancora arrossati.

Ma Melinda non si è persa d’animo ed ha studiato una soluzione per aiutare la sua pelosina, come racconta sul quotidiano online Huffington Post:

Ho preso del tessuto che avevo comprato per fare un costume da principessa alla mia figlia più grande. Era un po’ vistoso. Ma ne ho ricavato ugualmente una sciarpa e un copri testa. Ed è nata Diamond The Diva.

Da qui il blog e la pagina su Facebook, che danno al cane una grandissima visibilità e soprattutto hanno permesso di raccogliere fondi per gli amici a quattro zampe sfortunati e per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema dei maltrattamenti e degli abbandoni. Visitate la fan page per vedere tante altre foto divertenti della cagnolina!

Diamond the diva

foto credit Facebook

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>