Lettiera dei gatti, guida pratica a problemi e soluzioni: numero e tipo

di Paola P. Commenta

Lettiera dei gatti: dalla struttura coperta o scoperta, alla quantità di lettiere da mettere a disposizione di ogni micio di casa, al tipo di sabbia da usare, a quante volte cambiarla, fino ai disturbi urinari, fare i bisognini fuori dal consentito, e ad accessori come cestino, paletta, filtri con carboni attivi, deodoranti. Iniziamo oggi una panoramica sui problemi maggiormente ricorrenti e le domande più frequenti quando si tratta delle esigenze fisiologiche dei nostri tuttozampe che sono molto, molto suscettibili, e questo lo impariamo a nostre spese prima di trovare il modo giusto di comprenderli ed accontentarli.

Partiamo dalla base. Quante lettiere ci vogliono per ogni gatto di casa? Minimo una a testa, è fondamentale. Se poi avete molto spazio a disposizione e la casa ha più piani sarebbe indicato considerare non solo i numeri di mici presenti ma anche l’aspetto della distanza, ovvero quanto è lungo il tragitto tra il giaciglio del gatto e la lettiera. Se avete una casa a tre piani, per intenderci, sarebbe preferibile posizionarne una ad ogni livello. Pensate a come ci sentiremmo noi in un caso simile, a doverci alzare nel cuore della notte e dover percorrere i chilometri prima di trovare il bagno. Il gatto è tentato di farla fuori se non trova alla sua portata la lettiera, specialmente appena sveglio e di notte.

Che tipo di lettiera scelgo? Quella del supermercato, quella a basso costo, quella che costa tantissimo ma assorbe gli odori e viene pubblicizzata come magica? Sarò sincera su questo punto, ne ho provate tante ed ho sbagliato. Al gatto non interessa granché il tipo di lettiera, interessa che non cambiamo di continuo marca, consistenza, odore, materiale. Se c’è un problema con i bisognini del gatto, siamo subito portati a pensare che cambiare il tipo di lettiera possa aiutarci a risolverlo. In realtà, il gatto è un tipo abitudinario e spesso c’è proprio un cambiamento, non escluso quello della lettiera, all’origine dei suoi disagi e del suo stress. Sceglietene dunque una, tenendo conto che dovrete sostenere quella spesa a lungo, perciò se non avete grosse disponibilità economiche, meglio non puntare su quelle molto costose, anche se durano un po’ più a lungo. Soprattutto non fatevi tentare da quelle in offerta o dalle novità, comprandone una diversa ogni settimana. Scegliete la solita ed il gatto apprezzerà.

[continua…]

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>