A San Valentino un rischio per la salute del cane

di cinzia iannaccio Commenta

san valentino rischi salute caneAnche i nostri amici a quattro zampe amano le feste come San Valentino, perché a differenza del Natale e del Capodanno non sono rumorose e soprattutto offrono la possibilità di veder girare in casa tante leccornìe. Attenzione però perché proprio queste possono mettere a repentaglio la salute del cane: cioccolato in primis.

Ecco allora che se la vostra Lei o Lui ha un cane, la prima cosa da evitare di fare è di regalargli dei cioccolatini e lasciarli inavvertitamente a casa mentre si esce o si amoreggia! Perché? Il cioccolato è altamente tossico per Fido e lui da solo non saprebbe resistere: contiene teobromina, una sostanza eccitante come la caffeina che in determinate quantità risulta pericolosa per i nostri amici pelosetti.

In generale, la dose minima tossica di teobromina nei cani varia intorno ai 46-68 mg / kg. La metà dei cani che consumano 114-228 mg / kg o superiore di teobromina moriranno. Giocano a favore della salvezza o meno alcuni fattori, oltre la quantità di cioccolato ingerita: le sue dimensioni, una particolare sensibilità a questa sostanza, la rapidità che si impiega nell’intervenire, il tipo di cioccolato ingerito. Il cioccolato al latte infatti è meno pericoloso: contiene 44 mg di teobromina per oncia contro i 390 del cioccolato fondente!

Per questi motivi è importante evitare il cioccolato a San Valentino se in casa c’è un cane. Se si incappa invece nell’errore e si sospetta che Fido ne abbia mangiato in quantità eccessiva è fondamentale prestare attenzione ai sintomi di intossicazione. La tossicità della teobromina può causare una varietà di sintomi che possono essere lievi o gravi e sono i seguenti:

  • Vomito
  • Diarrea
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Irrequietezza
  • Iperattività
  • Spasmi muscolari
  • Svenimenti
  • Altri segni neurologici

Se pensate che il vostro cane abbia mangiato il cioccolato, chiamare immediatamente il veterinario!

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Foto: Thinkstock

Fonte: FDA

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>