Ordinanza sui cani pericolosi: ecco cosa prevede

di Daniela 2

ordinanza cani pericolosi

Lo scorso 3 marzo è stata approvata la nuova ordinanza sui cani pericolosi che a differenza della precedente prevede l’eliminazione della lista “nera” delle 17 razze più pericolose, introducendo il principio che ogni cane potrebbe essere potenzialmente rischioso; l’ordinanza punta soprattutto sulla formazione sulla formazione e sulla responsabilizzazione dei proprietari.

Vediamo quali sono le principali norme a cui si devono attenere i proprietari e i detentori dei cani. Innanzi tutto è stato introdotto un patentino rilasciato ai padroni attraverso la frequenza di percorsi formativi organizzati congiuntamente da Comune e Aziende Sanitarie. Durante la conduzione dell’animale, dovrà essere sempre utilizzato il guinzaglio ad una misura non superiore a 1,50 m, ad eccezione nelle aree per cani individuate dai Comuni; la museruola deve essere sempre a portata di mano del padrone per metterla al cane in caso di rischio o su richiesta delle autorità competenti.

Chi compra un cane deve conoscere le sue caratteristiche fisiche ed etologiche, nonché le norme in vigore, e quando necessario, deve affidarlo a persone in grado di gestirlo correttamente. Sono vietati gli interventi chirurgici destinati a modificare la morfologia del cane, o a non scopo curativo, con particolare riferimento alla recisione delle corde vocali, al taglio delle orecchie e della coda, ad eccezione per i cani appartenenti alle razze canine riconosciute dalla Federazione Cinofila Internazionale. Il taglio della coda, ove consentito, deve essere eseguito e certificato da un medico veterinario entro la prima settimana di vita dell’animale.

 Infine, è vietato l’addestramento che esalti l’aggressività dei cani, mentre i veterinari saranno chiamati a segnalare alle Asl di competenza le situazioni di potenziale pericolo, e i cani che hanno già dato segno di aggressività saranno inseriti in un apposito registro.

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>