Clicker guida pratica, dal rinforzo dell’attenzione al tira al guinzaglio

di Redazione 1

condotta clickerTenendo a mente le regole viste in //www.tuttozampe.com/caricare-clicker-guida-uso andiamo a rinforzare l’attenzione del quadrupede, il procedimento è identico a quello trattato alla pagina //www.tuttozampe.com/educare-cane-attenzione-tira-guinzaglio aggiungendo l’uso del clicker, proprio per questo motivo cercherò di dare un’impronta pratica alla serie di azioni da eseguire.

Occupate un ambiente favorevole insieme al cane, per esempio in sala con la televisione spenta, ignoratelo e attuate, come dice il mitico Nergio, la “pratica dell’allegria” che consiste nell’attirare l’attenzione del cane, in questo caso senza chiamarlo per nome ma spostando qualche suo gioco, scontrando la cuccia e continuando per il vostro percordo. Osservatelo con la coda dell’occhio e ogni qualvolta il cane cercherà il vostro sguardo, mano al clicker. Premetelo e dategli il giusto premio per un paio di volte, l’importante è catturare l’istante in cui il lo sguardo del cane cerca di raggiungere il nostro, non aspettate che vi osservi e poi disinteressato passi a far altro.

Mano al collare e al guinzaglio, vedremo più avanti come farglieli indossare senza far venire giù mezza casa dalla gioia di uscire, clicker in tasca o al collo ed iniziamo dal pianerottolo/giardino, camminiamo molto lentamente tenendo sottocchio la testina del quadrupede, quando cerca il nostro sguardo click-premio. E’ molto importante che non induciate il cane a guardarvi, ad esempio pronunciando il suo nome o producendo un rumore che lo attiri, in questo momento vogliamo che il cane si chieda “cosa ne pensa il capobranco?” e non “devo raggiungere il capobranco!”.

Letteralmente eluso l’ambiente favorevole il cane inizierà ad “odorare” il suo giornale tirando al guinzaglio, tutte le sporadiche volte che vi guarderà farete suonare il clicker e lo premierete. Non scoraggiatevi se all’inizio il cane tenderà a tirare, o da cucciolo si sederà in mezzo alla strada, ci vuole tempo, non c’è peggio del padrone che vuole tutto e subito, il cane è bello perché va vissuto ogni giorno, è come un puzzle infinito, ogni giorno bisogna rinforzare il comportamento giusto e vedrete che i risultati arriveranno, se avete fretta perché non avete tempo da dedicare al vostro cane allora sarebbe stato meglio adottare un Tamagotchi, è anche vero che è meglio un cane accasato che un cane abbandonato o lasciato al canile, pianificate però bene le vostre abitudini e disponibilità prima di adottare un amico peloso.

L’attenzione e la conduzione al guinzaglio rinforzate con il clicker hanno, a mio avviso, degli aspetti negativi, innanzitutto il cane potrebbe vedere l’uscita giornaliera come una mangiata in trattoria, disinteressandosi di tutto tranne che della vostra mano, a volte preferisco che Hachikō mi dia una tiratina in più incuriosito da un cane piuttosto che mi stia incollato al piede tutto il tempo. E’ chiaro che se troverete un ottimo istruttore cinofilo, che non lavorerà da solo con il cane ma insieme a voi (nei limiti del possibile diffidate dai cani già addestrati), riuscirete a scindere la condotta al guinzaglio sportiva rispetto all’uscita quotidiana, è come parlare di una matrioška: la conduzione è dentro l’addestramento e non viceversa, quindi prima si addestra e poi si ottiene la conduzione.

L’altro aspetto che mi fa storcere il naso è che si possa vedere nella scatoletta sonora l’equivalente di un patentino da istruttore, non è il clicker che fa capire al cane di non tirare o gli permette di andare senza guinzaglio attendendo una vostra approvazione, ma siete voi che dovete conoscerlo alla perfezione, non siamo qui a premere una scatoletta ma ad insegnare qualcosa al cane, quindi iniziate sempre sfruttando l’intesa che si viene a creare per natura tra conduttore e cane.

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>