Educare il cane all’attenzione, se tira al guinzaglio

di Redazione 1

tirare guinzaglioEccoci arrivati alla prima lezione pratica, con il metodo gentile cerchiamo di insegnare al nostro cagnolino a chiedere per poter agire: il metodo più veloce è con il clicker ma è anche quello che può fare più danni. L’uso del clicker come metodo educativo e non di addestramento, come ho già ribadito, deve arrivare per ultimo, quindi quando siamo in condizioni di ambiente favorevole l’educazione può avvenire con il solo rapporto di fiducia tra padrone e animale, rinforzando le azioni giuste con golosi premi e tanto amore. Come abbiamo detto se il cane ci riconosce come perfetto capobranco presterà molta attenzione ai nostri permessi e movimenti.

Iniziamo quindi con il rafforzare l’attenzione, scegliamo un ambiente favorevole e iniziamo a camminare ignorando la bestiolina che sicuramente inizierà a incuriosirsi e a seguirci, se il cane ci inizia a guardare senza che noi abbiamo bocconcini appetitosi nelle mani gli facciamo una carezza, facendogli capire che guardare il padrone è cosa ben accettata. Nel caso questo non accadesse andiamo a rinforzare ancora la ricerca dello sguardo, camminando con dei bocconcini sfiziosi in mano, quando il cane cercherà i nostri occhi elargiremo un premietto.

Mi sono sentito chiedere molte volte come correggere un comportamento molto fastidioso che si crea quando il cane interessato dagli odori circostanti tira al guinzaglio, è un argomento che viene trattato poco e male, purtroppo ho letto di strattonare il cane o usare un collare a strangolo, invece il tirare al guinzaglio è proporzionale alla mancanza di educazione dell’attenzione, vediamo come.

Il cane deve stare sempre a sinistra del conduttore, la mano destra tiene il manico del guinzaglio e quella sinistra rimane a metà guinzaglio in modo da essere usata come un “volante”, attenzione a non tenere il guinzaglio troppo in tensione potreste strozzare l’amico peloso. Il procedimento è identico sia all’inizio, in ambiente tranquillo, che fuori casa in passeggiata, ogni qualvolta il cane ci guarderà arriverà un premietto, qualora il cane ci guarderà e noteremo che aspetterà una nostra approvazione allora andremo al jackpot che significa portarsi dietro un premietto più appetibile degli altri, un paio di carezze e una serie di complimenti (ad esempio “bravo” con voce dolce).

Ogni qualvolta il cane tira o inizia ad accelerare basta fermarsi, aspettare che si fermi (senza strozzarlo mi raccomando!) e cambiare direzione rispetto  il cane curioso, se continua a non prestarvi attenzione andate fuori casa in un posto tranquillo e cercate di rafforzare maggiormente lo sguardo del cane. Dopo un mesetto di insegnamento dovremmo avere dei risultati sia che si parli di cucciolo che adulto, in caso questo non accada e il quadrupede si comporti come non ci fossimo ecco che interviene il clicker, nella prossima lezione vedremo la prima lezione pratica con il clicker.

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>