Se il cane mangia le feci, sue o di altri cani: rimedi e cause

di Tippi 1

cane mangia feci perché

Per il cane mangiare le proprie feci (e non solo le sue) è una pratica da ritenersi normale in certe occasioni, e che potrebbe essere determinata da una carenza alimentare o vitaminica, in seguito, però può trasformarsi in cattiva abitudine messa in atto come riflesso incondizionato. E’ necessario subito intervenire e per varie ragioni, che vanno dall’igiene al controllo dei parassiti intestinali.

Negli escrementi, in effetti, qualcosa di “appetitoso” per il nostro amico a 4 zampe c’è: principi nutritivi mal (o per nulla) digeriti come sostanze grasse, fibre muscolari, e amido. Le cause per cui nelle feci si ritrovano principi mal digeriti, possono essere diverse, come per esempio un problema di malassorbimento o cattiva digestione che può verificarsi in presenza di numerosi parassiti digestivi la cui azione è di ostacolo all’assimilazione dei principi alimentari, che quindi finiscono nelle feci.

In questo caso un semplice esame degli escrementi dal proprio veterinario di fiducia potrà dare indicazioni utili per verificare la necessità o meno di un trattamento sverminante. Altre cause che possono determinare la presenza di elementi indigeriti nelle feci sono, deficit enzimatici di origine pancreatica, epato-biliare o intestinale, gastriti croniche che portano il cane a leccare o ingerire qualsiasi sostanza a priori non commestibile.

Un cane può mangiare le proprie feci anche per noia, stress o costrizione in un ambiente chiuso (soggiorno pensione). Può accadere che il proprietario, senza volerlo, rafforzi questa cattiva abitudine ad esempio rimproverando il cane quando defeca in luoghi inappropriati, spingendo l’animale a far sparire gli escrementi ingerendoli.

Se il cane è sano, dunque, e ha questo “vizietto” per un disturbo comportamentale, è bene, quando si asportano le sue feci, allontanarlo o farlo distrarre. E’ necessario, altresì, controllare le sue uscite giornaliere, che devono essere almeno quante sono i pasti, l’ora delle uscite, il tipo di alimentazione e le quantità somministrate. Se il cane dovesse comunque ingoiare degli escrementi, è preferibile evitare di dargli importanza. Ad ogni modo, il veterinario può aiutarvi a superare il problema consigliandovi collari spray azionabili a distanza o sostanze che possono rendere disgustoso il sapore delle feci.

Photo Credit|ThinkStock

 

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>