Una labrador a guardia del bimbo chiuso nel silenzio

di Redazione 1

Da due anni sono più che inseparabili. Mahe, una dolcissima femmina di labrador di color nero è sempre accanto a James il suo piccolo amico di 9 anni, anche in un letto di ospedale. James è un bambino particolare, prigioniero del silenzio: è autistico. Mahe non lo lascia mai solo, figurarsi in questi giorni che è stato costretto al ricovero all’ospedale pediatrico di Wellington in Nuova Zelanda per sottoporsi a una risonanza magnetica e ad accertamenti obbligati. Mahe gli è rimasta accanto sempre. La loro storia sta commuovendo il Web.

 

Labrador con bambino in ospedale

Questa foto è stata scattata da una fotografa, Louise Goossens, pubblicata sulla pagina Facebook che porta il nome del bambino, e fa parte di un progetto che documenta la relazione eccezionale tra il cane e il bambino autistico. La toccante immagine mostra Mahe, labrador di 3 anni, distesa su un letto d’ospedale a stretto contatto con James, sottoposto a una risonanza magnetica a causa di frequenti attacchi epilettici. Durante la fase di sedazione, Mahe non si è allontanata un istante dal suo amico umano.

Lo guardava e sembrava davvero preoccupato per lui, ha raccontato Michelle, la madre di James.

Il bambino non parla, comunica con i familiari attraverso lo sguardo e il contatto fisico. Solo Mahe riesce a valicare il silenzio attraverso la comunicazione non verbale e ha stabilito un legame indissolubile, talmente profondo che al labrador stato permesso di entrare anche in ospedale.

Da quando è arrivato Mahe, due anni e mezzo fa, la nostra vita è completamente cambiata. Prima uscire con James era una tragedia, ora resta tranquillo e si sente al sicuro, ha raccontato la mamma.

Secondo recenti ricerche, i cani aiutano i bambini autisici ad acquistare sicurezza e ad interagire con altre persone. Mahe è stata addestrata dalla Dogs New Zealand Trust quando era ancora un cucciolo e vigila costantemente sul bambino, lo rassicura in presenza di estranei, avvisa i membri della famiglia in caso di emergenza.

C’è una magia che accade tra un bambino con autismo e i cani che riescono a calmarli. Nella maggior parte dei casi, quando si verifica una crisi, i bambini manterranno il contatto visivo con il cane e ciò non accade con i propri genitori e fratelli, ha spiegato Wendy Isaacs,della Dogs New Zealand Trust.

 

 

Fonte stuff.co.nz

Foto di Louise Goossens via Facebook

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>