Labrador in sala parto, succede in Inghilterra

di Redazione 1

Labrador sala parto Inghilterra

 

Un cane in sala parto?! Posso immaginare la vostra espressione di sorpresa, che è stata anche la mia quando ho letto la notizia. Una donna, infatti, ha voluto che il suo amico a 4 zampe fosse al suo capezzale nel momento forse più emozionante per una donna: il parto. Se la richiesta vi sembra strana, figurarsi la scelta dell’ospedale, che l’ha accettata senza fare una piega. Ma a tutto c’è una spiegazione…

Barney, così si chiama il Labrador protagonista di questa storia, è infatti, un cane per la pet therapy. La sua “specializzazione”, gli ha fatto meritare un posto in prima fila nella sala parto, dove ha potuto compiere il suo dovere. La signora aveva richiesto la presenza del cane perché ha il dono di calmarla. Del resto, la dolcezza e la totale assenza di aggressività di questa razza sono proverbiali e non è un caso che venga scelta proprio per la terapia con bambini e anziani. Il Labrador Retriever è un cane con una spiccata docilità e sensibilità, ma non solo. Viene impiegato anche nelle operazioni di salvataggio, sia in acqua che in montagna, e negli aeroporti e nelle stazioni grazie al suo fiuto leggendario.

Per ritornare a Barney, il cane ha atteso il nuovo arrivato accanto al marito della sua proprietaria e alla levatrice! Un quadretto decisamente insolito, e i primi a restare sconcertati della cosa sono stati proprio gli infermieri e i medici dell’ospedale di Bristol, ritenendo la scelta poco igienica. Ma il peloso, prima di accedere alla sala parto, è stato sottoposto a tutti i controlli del caso. Inoltre, dopo il lieto evento, la sala è stata opportunamente igienizzata.

Sinceramente, non ci vedo nulla di male, soprattutto se l’animale viene ritenuto idoneo, ma posso capire il punto di vista del personale medico, che a quanto pare, non ha gradito molto la cosa e anzi, teme che il caso diventi un precedente. E voi, amici di Tutto Zampe, cosa ne pensate? Sono proprio curiosa di conoscere il vostro parere!

Photo Credit| Thinkstock

Commenta!

Commenti (1)

  1. finalmente un gesto intelligente in quanto all’igene sinceramente gli ospedali italiani non sono al “top” della pulizia.. anzi direi” al topo… in corsia” un animale curato e pulito è molto piu’ igenico!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>