Sam, il pappagallo “ostetrica” che assiste il parto dei cani

di Redazione Commenta

I cuccioli della foto hanno uno zio molto particolare e molto attento alle loro sorti, infatti il pappagallo parlante ha svegliato la sua padrona in piena notte per avvisare che la volpina della Pomerania aveva appena partorito. Sam, è questo il nome dello stravagante zio, ha preso il volo per raggiungere la stanza da letto di Suzanna Bolton, gli è saltato sulla testa – usandola come un trespolo – e ha cominciato a parlarle, imitando la sua voce.

La donna, non aspettandosi tale gesto da parte dal suo pennuto, lo ha cacciato fuori dalla stanza. Sam non si è dato per vinta ed è tornato in camera e ha iniziato nuovamente a fare baccano per svegliarla. Suzanna ha capito che c’era qualcosa che non andava così si è alzata e lo ha seguito fino in cucina dove ha trovato Sally, adagiata sul pavimento, che scaldava sei cuccioli di volpino della Pomerania, nati beh una settimana prima del tempo.

La donna inglese, residente a Darwen, ha dichiarato al The Mirror:

Non avrei mai immaginato che Sam avrebbe fatto una cosa del genere, se non fosse corso a svegliarmi i cuccioli sarebbero morti di freddo durante la notte. Li ho avvolti velocemente in una coperta imbottita, li ho messi insieme alla loro mamma vicino al termosifone e fortunatamente è andato tutto bene. A Sam è permesso uscire dalla sua gabbia e gironzolare per casa ma in otto anni non è mai entrato nella mia stanza da letto. Quella notte è volato su per le scale, è atterrato sul letto, poi è salito sulla mia testa e ha cominciato a parlare imitando la mia voce -Andiamo! Andiamo! Sbrigati!- mi diceva, nello stesso modo in cui faccio con Sally.

Un parto improvviso segnalato dal pappagallo di famiglia grazie al quale i sei piccoli volpini posso crescere insieme alla loro mamma a quattro zampe fino all’imprinting visto che Suzanna ha già trovato una nuova casa per i cagnolini.

Fonte: The Mirror
Foto: The Mirror

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>