Petardi contro un cane, orrore a Sassari

Ragazzini che si divertivano tirando i petardi contro un povero cane randagio. Ciò che è accaduto nella giornata della Vigilia di Natale ha dell’incredibile: incredibile come la cattiveria di un gruppo di ragazzini, che dovrebbero adorare gli animali, sia giunta a simili livelli. A farne le spese un randagio della zona, che si era fidato ancora una volta degli esseri umani.

petardi

Cane preso a calci, uomo spara al ginocchio del responsabile

Siamo a Roma, nel tardo pomeriggio di oggi. Un uomo sulla cinquantina è fermo ad un semaforo in attesa del verde, quando una scena lo colpisce e cattura la sua attenzione. Vede un ragazzo di 19 anni appena che prende a calci un cane indifeso, che tenta in tutti i modo di ripararsi dai colpi e divincolarsi dal guinzaglio.

calci

Cuccioli di cane gettati da un ponte, orrore in Piemonte

Otto cuccioli di cane appena nati gettati da un ponte, un gesto vile e pieno di cattiveria gratuita che per fortuna non è passato inosservato e non ha prodotto conseguenze letali. Erano circa le 22 di domenica sera, quando una macchina si è avvicinata al ponte sul Rio Renanchio in località Quincinetto del Piemonte, con fare sospetto e portando con se un grosso sacco.

cucciolo di cane dolore zampe gastroenterite

Cane randagio trovato con moschettone nel petto

Una storia terribile di maltrattamento nei confronti di un amico a quattro zampe, questa volta giunge dalla provincia di Sassari, in Sardegna. Un cane randagio è stato rinvenuto dai volontari della squadra Taxi Dog, mentre si aggirava aggressivo e diffidente, spaventato per la strada.

cane con anello petto

Cani in Cina, squadre della morte pronte ad ammazzarli

“Sbarazzatevene da soli o saremo costretti a venire a ucciderli direttamente in casa vostra”.  Squadroni della morte ingaggiati direttamente da un comitato di cittadini con l’avallo delle autorità locali, per sterminare a domicilio cani. Indesiderati per il fatto stesso di esistere: accade nel quartiere Dayang, periferia orientale della città cinese di Jinan, oltre sei milioni di abitanti. La notizia è di quelle che fanno precipitare nel baratro. L’ordine, in forma di avviso con tanto di firma delle istituzioni comunali, da alcuni giorni è stato affisso nei condominii del quartiere, per lo più anonimi grattacieli abitati da impiegati e operai.

Cani in Cina, squadre morte per ucciderli

Cane sepolto vivo, salvato da un passante a Parigi

Ennesimo caso di maltrattamento sugli animali, questa volta siamo a Parigi, precisamente a Carrieres-sur-Seine nella prima periferia della capitale francese. Il protagonista di questa brutta storia un mastino francese, che è stato praticamente sepolto vivo dal suo proprietario. Ma vediamo come sono andati i fatti.

Cane sepolto vivo

Cane trascinato da un auto: ecco cos’è successo in Inghilterra

Una storia agghiacciante arriva dall‘Inghilterra ed ha per protagonista un povero cagnolino maltrattato, ed una donna che avrebbe dovuto prendersi cura di lui. La signora in questione è stata infatti sorpresa dagli agenti di polizia, mentre era intenta a trascinare, letteralmente, il suo cane legato con il guinzaglio al portellone posteriore alla macchina.

inghilterra

Cani randagi in Puglia, l’appello al governatore della regione Vendola

cani randagi Puglia appello governatore regione Vendola

La situazione dei cani randagi in Puglia, tra maltrattamenti e inadeguatezza dei rifugi, è preoccupante. A denunciarlo è l’Eurodeputato IdV Zanoni, che, in seguito alle segnalazioni di cittadini e associazioni animaliste, ha deciso di rivolgere un appello al governatore della Regione Nichi Vendola per caldeggiare una soluzione definitiva.

In Israele un cane è stato condannato alla lapidazione

Hadrei Haderim, che si occupa nel suo sito web di ebrei ultraortodossi, ha scatenato l’inferno dopo aver pubblicato una notizia secondo cui una corte rabbinica ha condannato un cane randagio alla lapidazione, per una colpa ritenuta terribile: è la reincarnazione di un avvocato, laico e impenitente che oltre venti anni fa offese i giudici del rabbinato.

Diritti degli animali: cosa fare in caso di minacce

Purtroppo capita che spesso le liti tra vicini, magari iniziate per colpa di un animale domestico, possano degenerare in minacce nei confronti della vita e all’integrità fisica dei nostri piccoli amici a quattro zampe. Polpette avvelenate, acidi, stricnina o altre sostanze nocive possono essere facilmente date a cani o gatti sotto forma di gustosi spuntini, che li conducono ben presto alla morte tra atroci sofferenze.

Come evitare tutto ciò? In primo luogo tenete presente che se un condomino o un vicino rivelasse l’intenzione di nuocere al cane o al gatto, anche se non di proprietà, o di manifestare propopositi di avvelenamento è possibile presentare una denuncia – querela alla Polizia Municipale, alla Polizia di Stato, ai Carabinieri, o al Corpo Forestale dello Stato.

Si configa infatti il reato di minaccia punito e previsto ex art. 612 del codice penale, che punisce a querela della persona offesa chiunque minacci ad altri un danno ingiusto. La morte del proprio animale d’affezione rientra senza dubbio tra i danni ingiusti: per la configurabilità del reato non è necessario che il bene tutelato venga realmente leso ma è sufficiente che il male prospettato incuta timore, fondato, nel soggetto passivo, proprietario dell’animale.