Zanzare, rimedi naturali per cani e gatti

Con l’arrivo dell’estate arrivano le zanzare detestate non solo da noi, ma anche dai nostri amici a quattro zampe, cani e gatti.

Cani agopuntura funziona

A detestare le zanzare sono poi soprattutto i cani perché non sopportano proprio il prurito e perché le zanzare sono particolarmente pericolose per loro visto che le punture li espongono al pericolo della filariosi, una pericolosa che favorisce lo sviluppo di vermi all’interno del loro organismo finendo per danneggiare cuore e polmoni del cane con tutte le terribili e inevitabili conseguenze.

Rimedi naturali prevenzione filariosi cani

Richiesta di consulto veterinario su rimedi naturali prevenzione filariosi
“Per i miei tre cani uso, quando possibile, solo rimedi omeopatici.Vorrei sapere se esistono prodotti naturali alternativi per prevenire la filariosi (attualmente uso Cardotek).Grazie”

rimedi naturali prevenzione filariosi cane

Advantix spot on cane e reazione di prurito, è normale?

Richiesta di consulto veterinario
Lunedì ho applicato l ‘ advantix spot on anche per flebotomi al mio cane. Da quel momento ha iniziato ad avere prurito, scatta con muso e zampe nel tentativo di grattarsi ed ha una sorta di tremolio al “mantello” vicino le scapole; non mi sembra che la pelle sia arrossata. Il veterinario ci ha detto di pazientare…ma mi chiedo se questo sia normale o se esiste qualche rimedio per attenuare il suo fastidio.

 

advantix spot on prurito

 

Filaria nei cani e gatti, più a rischio al Sud e prevenzione

Filaria cani gatti rischio Sud prevenzione

La filaria o filariosi è una malattia parassitaria, che colpisce cani e gatti, trasmessa dalle zanzare. La filaria può essere di 2 tipologie, cutanea e cardiopolmonare. Quest’ultima, fino a poco tempo fa, era diffusa soprattutto al Nord Italia, in particolare nella Pianura Padana e nelle zone attorno al Po, oggi, invece, sembra stia prendendo piede anche al Centro e al Sud. Questo, significa che gli animali che non seguono la profilassi sono rischio di infezione.

Alano, le malattie più comuni

Alano malattie comuni

Torniamo anche oggi a parlare dell’alano, il gigante buono noto anche come Apollo dei cani. Ha un fisico robusto e snello, elegante, ma come i tutti i cani di taglia grande è soggetto ad alcune malattie specifiche, come la displasia dell’anca, in primis, ma anche problemi al cuore e agli occhi e allo stomaco. Ma vediamo nel dettaglio.

I farmaci per prevenire la filariosi cardiopolmonare nei cani

farmaci prevenire filaria filariosi cardiopolmonare caniTorniamo anche oggi ad occuparci di filariosi cardiopolmonare nei cani, ovvero di quella patologia canina che può essere anche letale ed è provocata dal parassita della filaria, un verme che cresce e si sviluppa intorno al cuore e ai polmoni dell’amico a quattro zampe. Il mezzo con cui avviene il contagio è il morso di una zanzara (di tutti i tipi, culex, anophele, zanzara tigre). Se questa è infetta inocula nel sangue dell’animale ospite le larve della filaria che poi raggiungeranno nell’arco di 50 giorni circa gli organi cardiorespiratori del cane, prima di diventare vermi adulti. Ma una seria prevenzione è possibile.

Filaria nei cani, è ora di iniziare la prevenzione: ecco come e perché

filaria cani prevenzione medicinali come perchéE’ ora di pensare a prevenire la filaria nei cani, parlandone con il proprio veterinario per la scelta del trattamento più opportuno: questa patologia nota anche come filariosi canina, è provocata da un parassita, la filaria (Dirofilaria) per l’appunto, dalla forma sottile ed allungata (pensate che può raggiungere anche i 30 centimetri): è cioè un verme. E’ molto diffusa, in alcune aree del nostro Paese è considerato endemico, ma il vostro cane si può ammalare ovunque visto che il vettore è la zanzara, (Culex, Aedes, Anophele e tigre).

Filariosi cardiopolmonare nel gatto: cos’è, come si trasmette e quali i sintomi

filariosi cardiopolmonare gatto cosa è sintomiAnche i gatti possono essere colpiti da filariosi cardiopolmonare, esattamente come i cani, benché con un’incidenza estremamente minore. Questa patologia è caratterizzata dalla presenza di un parassita, la filaria che si insinua e si sviluppa nella parte destra del cuore dell’animale, sviluppandosi come un verme, lunghissimo, fino a soffocare l’organo vitale.

Filariosi cardiopolmonare nei cani: prevenzione, cura ed aree a rischio filaria

Torniamo a parlarvi come promesso della filariosi cardiopolmonare nei cani, malattia molto pericolosa provocata dal parassita della filaria. Si tratta di un vero e proprio vermetto che può raggiungere anche i 30 cm di lunghezza e si stabilizza nel cuore e nei polmoni dei nostri amici a quattro zampe. Sappiamo che il contagio avviene da animale malato a sano attraverso la puntura di una qualunque zanzara. Questo ci fa capire come la prevenzione sia importante per salvaguardare la salute dei cani. Leggete tutto l’articolo e scoprirete come fare.

Filariosi (o filaria) nei cani: cos’è, come si trasmette, il ciclo evolutivo ed i sintomi

La filariosi è una malattia molto pericolosa per i nostri cani, provocata da un parassita: la filaria. In realtà esistono diversi tipi di questo parassita, ma quello che ci interessa è il Dirofilaria Immitis (della famiglia dei Nematodi –vermi tondi) che provoca nei nostri amici a quattro zampe la filariosi cardiopolmonare, una patologia che può avere esiti fatali se non individuata per tempo. Si trasmette attraverso la puntura di una zanzara, ma tranquilli amici di Tuttozampe, approfondiamo insieme l’argomento per salvaguardare la salute del vostro cane.

Le vaccinazioni da fare al cane prima di partire per le vacanze

E’ importante seguire il calendario delle vaccinazioni dei cani. E’ fondamentale se si vuole fare una vacanza all’estero con il proprio amico a quattro zampe. Alcuni luoghi infatti hanno norme molto restrittive al riguardo e si rischia di ritrovarsi il proprio compagno di viaggio in quarantena, per tutto il periodo feriale. Pessima ipotesi non trovate? Allora, esattamente come va fatto per noi animali bipedi, anche per gli amici a quattro zampe vanno valutate preventivamente le norme sanitarie del Paese di destinazione.

Primavera: zanzare in agguato

Con la bella stagione tornano le passeggiate nei parchi con i nostri amici a quattro zampe e le giornate all’aperto, e purtroppo tornano anche le zanzare, vettori di una delle malattie piu’ temute da cani e gatti: la filariosi. Dei piccoli accorgimento possono tuttavia salvare i nostri amici a quattro zampe e consentirci di godere in tutta tranquillità delle prime giornate di sole. Il professor Claudio Genchi, ordinario di Malattie parassitarie, Facolta’ di Medicina Veterinaria, Universita’ degli Studi di Milano, spiega:

La prevenzione della filariosi non si basa sull’impiego di vaccini, come di norma avviene nel caso di malattie infettive, ma sull’utilizzo di farmaci efficaci contro le forme giovanili del parassita trasmesse dalle zanzare. La somministrazione del farmaco è diretta a uccidere le larve trasmesse nei trenta-quaranta giorni antecedenti il trattamento e che non hanno ancora iniziato la migrazione dal punto dove sono state depositate dal vettore infetto verso il polmone e il cuore.

Si tratta quindi di un trattamento retroattivo, da ripetere ogni 30 giorni per tutta la durata del periodo a rischio di trasmissione, in modo da inibire lo sviluppo ad adulto delle larve.

Tosse cronica nel gatto

La tosse, anche nel gatto, è un riflesso protettivo molto comune che espelle le secrezioni o i corpi estranei dalla faringe, dalla laringe, dalla trachea e in generale dalle vie respiratorie, proteggendo in tal modo i polmoni dall’aspirazione. La tosse colpisce il sistema respiratorio, ostacolando la capacità di respirare correttamente.

Tra i fattori scatenanti più comuni si segnalano l’ostruzione della trachea, la bronchite, la polmonite, la filariosi cardiopolmonare, i tumori polmonari e lo scompenso cardiaco.

Sintomi

La tosse nel gatto si definisce cronica quando persiste da due o tre settimane. Può iniziare improvvisamente o peggiorare gradualmente. Una tosse occasionale, anche se frequente, è normale, ma bisogna contattare il veterinario se il vostro animale domestico soffre del disturbo da più giorni senza interruzione.

Tosse cronica nel cane

tosse cronica caneTossire è un riflesso protettivo molto comune che elimina le secrezioni o i corpi estranei dalla gola (faringe), dal canale vocale (laringe), dalla trachea o dalle vie aeree, e protegge i polmoni dall’aspirazione. La tosse colpisce il sistema respiratorio, ostacolando la capacità di respirare correttamente.
Le cause più comuni di tosse nei cani sono ostruzione della trachea, bronchite, polmonite, filariosi cardiopolmonare, tumori polmonari, tosse dei canili e scompenso cardiaco.

Sintomi.
Controllate innanzitutto che si tratti di tosse cronica, vale a dire che dura per più di due o tre settimane. Può iniziare improvvisamente o gradualmente. Una tosse occasionale, anche se si verifica di frequente, è normale. Consultate il veterinario se il cane ha una tosse cronica.