Alano, le malattie più comuni

di cinzia iannaccio 1

Alano malattie comuni

Torniamo anche oggi a parlare dell’alano, il gigante buono noto anche come Apollo dei cani. Ha un fisico robusto e snello, elegante, ma come i tutti i cani di taglia grande è soggetto ad alcune malattie specifiche, come la displasia dell’anca, in primis, ma anche problemi al cuore e agli occhi e allo stomaco. Ma vediamo nel dettaglio.

Displasia anca nell’alano

La displasia dell’anca consiste in un anomalo sviluppo delle articolazioni che se non trattata (a volte con intervento chirurgico) può portare a zoppia, dolore ed addirittura all’immobilità del cane. Tra le cause di sicuro la familiarità, un motivo in più per acquistare animali con pedigree, alano compreso.

Malattie cardiache nell’alano

Più il cane è grande e pesante e maggiori sono le probabilità che il cuore si affatichi e sia dunque soggetto a disturbi: l’alano è uno dei cani più grandi al mondo, anzi a questa razza appartiene il record mondiale di grandezza. Di fatto però anche in questo caso la familiarità mette il suo zampino: molti problemi cardiaci nei cani di grossa taglia hanno un’origine genetica. Dunque se si ha un alano è importante prestare sempre attenzione al suo cuore (queste problematiche sono spesso asintomatiche, fino alla morte improvvisa del cane). Anche altre patologie comuni come la filariosi, la leismaniosi, il cimurro o la parvovirosi, ecc. possono provocare danni al cuore, ma di tutti gli animali e non di specifiche razze.

Malattie dell’occhio nell’alano

L’alano è soggetto anche a sviluppare entropion ed ectropion, due  patologie degli occhi. La prima, l’entropion (essenzialmente congenita ma anche dovuta a traumi di varia origine) riguarda il ripiegamento della palpebra verso l’interno con l’effetto di uno sfregamento continuo sulla cornea. Oltre l’alano ne sono soggette anche altre razze canine come il Bulldog,  il Bloodhound, Chow Chow, Shar-Pei, Rottweiler, Labrador e Golden Retriever. Si può trattare con un intervento chirurgico. L’ectropion è invece il contrario, una patologia che comporta il ripiegamento verso l’esterno del margine della palpebra, provocando irritazioni e congiuntiviti ricorrenti.  Anche in questo caso si tratta di una malattia congenita o a volte acquisita e colpisce razze specifiche.

Foto: Thinkstock

Commenta!

Commenti (1)

  1. Salve , io ho un alano arlecchino e da qualche giorno nella profondità dell’occhio vedo del roso , ed il cane sembra come se fose cieco , cosa potrebbe esssere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>