Per la tribù di golden retriever party al fiume (VIDEO)

Saette dorate molto scodinzolanti sono state avvistate sul fiume Nanaimo, a Vancouver in Canada. Non si tratta di pepite del prezioso metallo, ma di una vera e propria ‘tribù’ di golden retriever, oltre una dozzina di cani che non stavano più nelle zampe dalla gioia! Hanno preso parte al ‘Pooch Pack Adventures 5th Annual Golden Retriever Roundup’: una straordinaria escursione all’aria aperta con tanto di giochi in una piscina naturale!

 

Dog sitter e operatori di canile, 11 detenuti diplomati

Dog sitter e operatori di canile: 11 detenuti del carcere di Bollate (Milano) sono i primi diplomati d’Italia. Hanno ricevuto l’attestato dall’università statale di Milano dopo un corso, anch’esso il primo del genere, fatto dall’ateneo con il patrocinio del comune di Milano, in collaborazione con istruttori cinofili dello Csen-Centro Sportivo Educativo Nazionale, riconosciuto dal Coni, ed ente nazionale di promozione sociale con finalità assistenziali.

 

cani al parco con dogsitter

Cani dentro e fuori, via libera ai pet in carcere

Animali in carcere per aiutare i detenuti, attraverso la pet therapy e corsi professionali per diventare dei dog sitter, una volta usciti dalla struttura carceraria. Si tratta del progetto Cani dentro e fuori, realizzato presso il carcere di Bollate: i detenuti ospiti della struttura, potranno seguire corsi per diventare dog sitter, dog walker e dog-daycare riconosciuti, con regolare attestazione, per aprire una propria attività una volta scontata la pena.

Cani dentro e fuori

Dog sitter per portare a spasso il cane degli anziani

 anziani portare a spasso il cane Non è facile per gli anziani portare a spasso il cane o comunque garantire all’amico a quattro zampe la giusta attività motoria per il suo benessere. Ma per molte persone in età avanzata, la compagnia di un cane è preziosa, vitale. E’ per tale motivo che AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali  e Ambiente) ha deciso di lanciare una nuova iniziativa: “Aiuta un anziano a portare a spasso Fido“.

Arriva PetPro, il problem solver di cani e gatti di città

PetPro problem solver cani gatti città

PetPro si occupa di servizi professionali di pet care e si rivolge a tutti quei proprietari di cani e gatti che hanno difficoltà a trovare un servizio di sitting affidabile, o non sopportano l’idea della pensione o ancora, non sanno a chi rivolgersi per riabilitare il proprio amico a 4 zampe con problemi comportamentali.

Diventare dog sitter, al via il corso dell’Enpa

l’ENPA, l’Ente Nazionale Protezione Animali, ha lanciato davvero una bella iniziativa per diventare dei dog sitter provetti, un corso di formazione di qualità, che prevede 19 ore di lezione d’aula e 30 ore di tirocinio presso le strutture ENPA, e un esame finale, con tanto di test a risposta multipla e verifica orale.

Dog sitter getta cani morti nel Po, li aveva lasciati chiusi in macchina

Le raccomandazioni non bastano mai ed ancora oggi ci tocca leggere di chi lascia i cani in macchina per ore sottoponendoli a temperature elevate e dunque abbandonandoli a morte certa. E la cosa è ancora più grave perché ad uccidere i due malcapitati animali è stato chi si doveva prendere cura di loro, un dog sitter che si sarebbe poi preso la briga di occultare i corpi gettandoli nel fiume Po.

Dog-sitter heteropolitan, l’amico dei cani e delle padrone

Gli animali e, ancora di più Fido, hanno bisogno di cure e protezione soprattutto quando tutti i componenti del nucleo familiare sono fuori per lavoro, ma a volte pure le padrone che restano tanto tempo in casa cominciano a sentirsi sole. Non è difficile per loro, quindi, perdersi fra pensieri stupendi, immaginando un ragazzo giovane dal fisico da urlo in grado di pensare non solo a tutte le incombenze legate alle necessità di un cane ma anche, in modo del tutto professionale, disposto a trascorrere qualche ora in giro per la città a fare shopping o a prendere un aperitivo con la proprietaria del simpatico amico a quattro zampe. Ebbene tutto questo non è più un sogno da quando è arrivato il dog-sitter heteropolitan.

Questa nuova e curiosa figura sta letteralmente spopolando soprattutto tra le signore della Milano bene e la richiesta si sta velocemente moltiplicando pure nelle altre regioni di Italia.Insomma in tempi di crisi economica e di buste paga troppo leggere, un lavoro che unisca creatività e utilità è quanto di meglio ci si possa aspettare, tanto che nel giro di qualche settimana anche ai telefoni di AIDAA, sono arrivate una decina di richieste relative al lavoro dei dog-sitter heteropolitan. L’associazione che non fornisce tale servizio, sta però studiando il fenomeno da vicino monitorando il comportamento di questi professionisti che devono saper unire capacità di assistenza al pet e cortesia e massima educazione con la padrona.

Pet Sitter: un mestiere in ascesa

Il mestiere del pet sitter è divenuto ormai di largo consumo: sono molte le persone, con una gran passione per gli animali, che decidono di intraprendere tale strada. Ma come diventare un bravo pet sitter? L’OPSI, Obiettivo Pet Sitter Italia, offre una serie di corsi specifici per iniziare a muovere i primi passi in questa professione ed acquisire competenze specifiche rivolte a tutti gli animali, non solo cani. La  figura del dog sitter in particolare non è semplicemente di colui che porta il cane a passeggio al parco, ma un amico del cane stesso che sostituisce il proprietario in alcuni momenti della giornata, prendendosene cura.

Le principali capacità richieste ad un dog sitter sono: l’amore per i cani, non condizionato dalla razza o da difetti estetici o fisici, il senso di responsabilità e l’esperienza nel trattare con loro, quest’ultima caratteristica si acquista con il tempo. Al momento non esiste ancora un albo professionale di riferimento, anche se la proposta di una creazione in tal senso è stata avanzata dall’On. Brambilla, ministro del turismo. Che cosa deve saper fare un buon dog sitter? Certamente deve saper ascoltare l’animale: capire le sue esigenze e le sue paure, porsi nei suoi confronti in modo amichevole.

Il dog sitter deve essere un amico del cane, non un padrone: il gioco, la passeggiata, la carezza sono tutti elementi essenziali, che spesso a causa della vita frenetica di tutti i giorni, dimentichiamo di concedere al nostro pet.

Il dog sitter: un’alternativa all’albergo

dog sitter

Qualche giorno fa, nel post nel quale vi indicavamo alcune possibili soluzioni per la cura del vostro animale in vista delle vacanze estive, vi avevamo segnalato che un’alternativa alle pensioni e agli alberghi per cani è rappresentata dal dog sitter; oggi, quindi, cercheremo di spiegarvi meglio quali sono gli ambiti di lavoro e le competenze di questa figura.

Come vi abbiamo già precisato nell’articolo citato, non dovete pensare al dog sitter solo come allo studente che lo fa come lavoretto per guadagnare qualche soldo in più: il dog sitter è un vero e proprio professionista con il compito di prendersi cura del cane quando voi non ci siete.

Fare il dog sitter non consiste solo nel portare a spasso il cane, ma anche nel dargli da mangiare, pulirlo, farlo giocare e fargli compagnia; il dog sitter può rimanere con il vostro cane qualche ora o anche tutta la giornata, e i prezzi variano a seconda del tempo e del servizio svolto. La scelta del dog sitter avviene un po’ come quella della baby sitter: prima di trovare quello giusto per il vostro amico dovrete fare un po’ di colloqui in modo da valutare, in base anche alle vostre esigenze, la preparazione e la compatibilità della persona che avete davanti.

Vacanze estive e animali: a chi lasciare il cane o il gatto

cani e vacanze

Se vi state preparando ad organizzare le vacanze estive e non potete portare il vostro cane o il vostro gatto con voi, è arrivato il momento di pensare a chi affidarlo durante la vostra assenza. Ovviamente, se avete qualcuno di fiducia che si può occupare di lui sarebbe la soluzione ideale, ma se ciò non è possibile, la prima possibilità è orientarsi su un albergo per cani o gatti, che sono sempre più numerose anche in Italia.

Queste strutture, oltre ad offrire un utilissimo servizio per chi deve viaggiare, aiutano a combattere il fenomeno degli abbandoni estivi di animali; le pensioni per animali sono dotate di ogni confort e gli amici a quattro zampe sono seguiti da personale altamente specializzato.

Per la scelta della pensione assicuratevi che essa sia dotata  di un ampio spazio recintato nel quale il vostro animale possa passeggiarvi tranquillamente; inoltre, sarebbe buona norma che i gestori vi dessero la possibilità di scegliere una dieta personalizzata, in modo da non sconvolgere le abitudini alimentari del cane.