Salvati 130 cuccioli di pipistrello in Australia

di Redazione 1

Pippistrellini

L’Australia sta vivendo un periodo molto difficile, piogge torrenziali hanno trasformato la terra dei canguri in una specie di Atlantide, molti animali stanno vivendo momenti molto difficili, tra questi c’è una cucciolata di centotrenta pipistrelli.

I piccolini rimasti orfani sono stati salvati dalla tempesta e ricoverati nell’Australian Bat Clinic and Wildlife Trauma Centre in Advancetown.

Tutto è iniziato con una tempesta che ha messo in fuga le mamme dei pipistrellini, lasciati al loro destino hanno rischiato di morire in poco tempo.

Fortunatamente sono stati trovati e ricoverati al Wildcare Australia Centre del Queensland, Trish Wimberley responsabile del centro sanitario spiega cosa è successo: “Normalmente un pipistrello femmina andrebbe in capo al mondo per proteggere i figli. Quel che è successo dimostra che le condizioni erano particolarmente dure. Il fatto poi che i piccoli cercassero cibo a terra, cosa che li rende vulnerabili, è un indicatore che ci dice che l’ambiente ha dei problemi. I pipistrelli sono un barometro per quello che succede nell’ambiente. Essi sono i nostri canarini nella miniera di carbone.”.

cuccioli-di-pipistrello

I piccolini sono stati tratti in salvo affetti da ipotermia e disidratazione oppure sono stati attaccati da sciami di mosche, ora però sono al sicuro curati, sfamati e accuditi da un team che ha l’obiettivo di salvare una delle specie più importanti dell’ecosistema.

Come vedete dalla tenera foto vengono tenuti al caldo avvolti in soffici panni usati normalmente per spolverare e, puntuali come degli orologi svizzeri, chiedono il latte ogni quattro ore.

I cuccioli verranno curati e tenuti al riparo in un luogo adatto e verranno nutriti col biberon per circa quattro settimane fino al quando saranno in grado di volare.

Speriamo che l’Australia si svegli con il cielo sereno e che i piccoli mammiferi possano tornare ad una vita quotidiana, questa storia per fortuna è finita con un lieto fine.

Cucciolo di pipistrello

Fonte

Commenta!

Commenti (1)

  1. STORIA DI UN ORFANO DI PIPISTRELLO. NOVITA’ IN DVD

    Il documentario, realizzato dalla naturalista Alessandra Tomassini e dal giornalista Marco D’Amico presso il CRFS Lipu di Roma e il CHM Lipu di Ostia, racconta la storia di Divo, un piccolo pipistrello albolimbato il cui nome scientifico è Pipistrellus kuhlii. Divo è un orfano. E’ stato seguito dal momento in cui è caduto dal rifugio fino a quando gli è stata donata la libertà.
    La Dott.ssa Alessandra Tomassini una delle maggiori esperte di chirotteri in Italia, ha preso in cura il piccolo albolimbato nelle varie fasi della crescita: dall’allattamento – attuato per la prima volta nel nostro paese, con una tecnica innovativa e funzionale che non si basa più sul vecchio metodo dell’agocannula ma utilizza un “ciuccio” grazie al quale il piccolo diventa ben presto “autonomo”- allo svezzamento fino ai primi voli ed alla libertà.
    Il filmato, proposto in una tecnica grafica moderna ed accattivante, da’ anche dei preziosi consigli su cosa fare e a chi rivolgersi quando si trova un pipistrello ferito, offre degli spunti per conoscere meglio i pipistrelli attraverso interventi diretti sul campo e propone curiosità ed informazioni per sfatare, una volta per tutte, tabù e falsi miti di cui questi fantastici animali, da sempre, sono vittime inconsapevoli.
    Un motivo in più per imparare a conoscerli, amarli e rispettarli!

    Autori: Alessandra Tomassini e Marco D’Amico
    Regia: Paolo Laici
    Genere: Documentario scientifico
    Durata: 25 min.
    Anno di produzione: 2011
    Edizioni musicali: Rai Trade
    Formato video 16/9 – DVD
    Lingua Italiano
    Audio: Stereo
    Produzione: Alessandra Tomassini e Marco D’Amico

    Per informazioni:
    Web: http://www.pipistrellus.it
    E-mail: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>