Pets, sempre più grandi protagonisti della famiglia italiana

di Redazione Commenta

Gli animali, sono sempre di più i grandi protagonisti della famiglia italiana. Nelle nostre case vivono 60 milioni di pets, di cui 7 milioni sono cani; 7,5 sono gatti e circa 46 milioni tra pesci, uccellini, roditori e animali esotici. Il mercato di alimenti per cani e gatti in Italia chiude positivamente anche il 2015, con un giro d’affari di 1,91 miliardi di euro e 551.200 tonnellate di prodotti commercializzati. Sono i dati del Rapporto sul mondo degli animali da compagnia che Assalco, Associazione Nazionale tra le Imprese per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia ha presentato con Zoomark International, il salone internazionale dei prodotti e delle attrezzature per gli animali da compagnia, Iri Information Resources e Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (Anvi). Vediamo le novità di quest’anno.

 

bambini e cane lupo sul prato

 

Sempre più presenti e sempre più al centro della nostra vita, gli animali domestici sono membri di diritto della famiglia: il 43% degli italiani vive con almeno un pet in casa. Giunto alla IX edizione il Rapporto sul mondo degli animali da compagnia è ormai diventato un indice di riferimento fondamentale per capire come in questo ultimo decennio è cambiata la presenza dei pets nelle nostre realtà domestiche; quale il loro ruolo in famiglia e società; quali i cambiamenti imposti sul  mercato e il giro di affari che mobilitano; cosa è accaduto o si profila nei prossimi tempi a livello normativo.

Il rapporto Assalco, di un centinaia di pagine conferma riepilogando i tanti studi scientifici: gli animali ci fanno bene alla salute. I cani ad esempio riducono l’ansia infantile, come l’ansia sociale; contribuiscono alla salubrità dell’ambiente domestico; sono consigliati dai pediatri fin dalla tenera età nella crescita; insegnano la cura reciprica. Perfetti compagni di gioco dei bambini, apportano valore al vivere quotidiano; migliorano la qualità della vita degli anziani, e come da uno studio di Federanziani del 2015, permettono attualmente al Sistema sanitario nazionale di risparmiare ben 4 miliardi l’anno.

Per non parlare degli interventi assistiti con gli animali, in Italia sempre più presenti: i cani ad esempio sono sempre più di aiuto negli ospedali per interventi di pet therapy sia pediatrici che geriatrici.

Sta cambiando anche il modo di gestirli: il proprietario responsabile sa che che i cani devono essere iscritti all’anagrafe regionale e identificati mediante microchip, che cani e gatti devono essere vaccinati e trattati contro parassiti interni e esterni; In Italia, dal 2009 il Ministero della Salute promuove corsi di formazione destinati ai proprietari di cani.

Le amministrazioni pubbliche  nell‘89% dei casi oggi si sono tutte dotate di  un assessorato dedicato agli animali. Cresce anche l’attenzione alla salute da parte dei veterinari che spiegano: se si è allungata la vita media di cani e gatti  è dovuto anche  al pet food industriale, sottoposto a controlli, considerato sicuro oltre che completo dal punto di vista nutrizionale.

Dal punto di vista normativo, infine, il 1 marzo 2016 è stata presentata una proposta di legge per creare un collegamento tra l’anagrafe canina di competenza regionale e lo stato di famiglia di ciascun proprietario. C’è poi la proposta di arrivare a una anagrafe nazionale canina. Non solo: includere nel censimento Istat 2021 tutti i pets e per un loro completo riconoscimento inserire la tutela gli animali nella Costituzione come propne la Fidaa, Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente.

Intanto è stato decisivo l’emendamento legislativo che in base al principio della tutela del legame affettivo, stabilisce l’impossibilità di pignorare gli animali d’affezione e da compagnia e quelli con missione terapeutica assistenziale anche in caso di debiti del proprietario.

 

Fonte pressroom.cohnwolfe.it

Foto pixabay.com

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>