A Molfetta, l’assurda caccia al cane nero

di Redazione Commenta

Molfetta caccia cane nero

A Molfetta si è verificato un episodio davvero paradossale, ai danni di una povera cagnolina nera randagia, regolarmente sterilizzata e microchippata, accusata di aver dato un morso ad uno Yorkshire, forse un po’ troppo invadente. Da quel giorno, la padrona della “vittima” – e che sarà mai un morso! – è stata più volte avvistata nei paraggi della zona industriale della città, dove si è verificato l’accaduto, per darle la caccia!

A rischiare di rimetterci la pelle, però, non è stata la cagna nera, che si è data giustamente alla macchia, ma un’altra randagia, sempre dello stesso colore. La signora, non contenta, ha sollevato un tale polverone da far arrivare da Bari niente meno che la squadra degli accalappiatori, che hanno inseguito e narcotizzato la povera cagna, che si era spinta pericolosamente verso la strada statale e qui, sola e spaventata, è stata abbandonata al suo destino.

Ma la cosa non è passata inosservata, e in difesa dell’animale è intervenuta la Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Molfetta, che hanno trovato la cagna stremata e stordita dall’effetto dell’anestetico. Come Mariangela La Volpe, responsabile dell’ente:

L’abbiamo subito ricoverata in una clinica veterinaria di Bari e oggi sta molto meglio. L’inseguimento tra le vie della zona industriale di Molfetta, è avvenuto lo scorso 30 dicembre, ma tutti i cani neri di Molfetta sono a rischio. Forse un poco più di accortezza non farebbe male, fosse solo per i danni economici. Quello però dove non intendiamo passare sopra, sono i maltrattamenti perpetrati ai danni degli animali. Non tollereremo analoghi episodi, il nostro controllo sarà incessante e minuzioso, perché si sappia che nella nostra città gli animali vengono rispettati e che non consentiremo a nessuno di distruggere il lavoro di 20 anni.

Lasciatemelo dire, ma non esiste cosa peggiore dell’ignoranza che cammina a braccetto con la poca sensibilità. Non è giustificabile l’accanimento contro questo povero cane randagio, forse “colpevole” solo di essere nero. Provate a chiedere ai volontari del canile… spesso i cani con il manto scuro non vengono adottati perché il colore richiama l’idea della cattiveria… assurdo!

Photo Credit|ThinkStock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>