Milano, gli animali viaggiano gratis sui mezzi pubblici di trasporto 

di Fabiana Commenta

Era ora: a Milano gli animali d’affezione potranno viaggiare gratuitamente sui mezzi pubblici. 

Una decisione che arriva in seguito a un emendamento approvato dal Consiglio comunale che prevede la decadenza dell’obbligo di acquistare il biglietto per gli animali a bordo. 

tour bus, cani londra

La decisione di far viaggiare gratuitamente su metropolitane, tram e autobus cani, gatti e uccellini, con l’approvazione dell’assessore alla Mobilità Marco Granelli, rappresenta una vera e propria svolta anche perché l’emendamento punta a introdurre la gratuità del trasporto degli animali d’affezione sull’intera rete e senza limiti d’orario. 

Al momento il regolamento prevede il pagamento di un biglietto, eccezione per i cani di accompagnamento di non vedenti e, ma solo in alcune precise fasce orarie, per i cani di piccola taglia. 

Ma in effetti l’emendamento arriva a legalizzare quello che accade quotidianamente a Milano: gli animali viaggiano gratuitamente come anticipato dal Corriere anche perché da una parte si tratta di uno dei divieti più trasgrediti e dall’altra si tratta anche di una violazione che non viene in alcun modo multata. 

Nel corso degli ultimi cinque anni infatti sono state elevate zero multe per violazioni di questa parte del regolamento. 

Il trasporto gratuito arriva sulla scia dell’emendamento proposto dal leghista Gabriele Abbiati con Alessandro De Chirico e Gianluca Comazzi di Forza Italia e il sì della Giunta arriva in vista della consapevolezza che nella città di Milano gli animali d’affezione fanno parte a tutti gli effetti delle famiglie milanesi che usano i mezzi pubblici non solo per andare al lavoro ma per vivere insieme la città. 

CANE IN METRO, IL VADEMECUM DA SEGUIRE

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>