Micio batte Fido: da solo non si dispera

di Redazione 2

Micio batte Fido: da solo non si dispera, ovvero quando l’amico a due zampe non c’è sta bene da solo perché è indipendente. L’abbiamo sempre saputo, l’abbiamo potuto constatare empiricamente, ora però non è più solo un luogo comune, ma c’è la prova scientifica: i gatti non soffrono la solitudine come i cani quando il loro proprietario è lontano da casa; non hanno quello struggente sentimento di attaccamento che fa contorcere i cani, e talvolta anche noi ‘umani’, negli affetti e nelle attese, perché non creano relazioni di dipendenza. Lo rivela uno studio dei ricercatori dell’università di Lincoln, Inghilterra che forse susciterà reazioni sdegnate tra i possessori di felini.

Micio batte bau, se il padrone è fuori non si "attacca"

 

 

Micio batte Fido: da solo non si dispera: lo studio, viceversa, potrebbe rassicurare chi possiede un gatto e sta fuori tutto il giorno. Ormai, spiegano gli autori della ricerca, gli etologi Daniel Mills e Alice Potter, il Felis silvestris catus ha superato il cane come animale da compagnia più popolare in Europa. Facilità nella gestione, capacità di vivere in piccoli spazi e di stare da solo a lungo,  spiegano il ‘sorpasso’ felino! Non mancano eccezioni: gatti che mostrano stress da abbandono. I ricercatori hanno condotto test su decine di gatti domestici appurando che a differenza di cani e bambini, non creano relazioni di dipendenza. Quindi se il padrone non c’è, non soffrono. “Questo non significa che non amino i loro padroni, ma che non considerano gli umani come una garanzia di sicurezza, una fonte di certezza”, sostiene il professor Mills.  Ai gatti domestici è stato ‘somministrato’ un test simile a quello che la psicologa Mary Ainsworth fece ai bambini negli anni ’70, chiamato Ainsworth strange situation test, ovvero test della situazione strana: portati in una stanza con i loro genitori, all’improvviso si sono visti accanto estranei. Nel caso dei gatti, hanno appurato gli etologi, staccati dai proprietari e messi di fronte a sconosciuti, non hanno dato risposte di stress e attaccamento.

“I risultati non contraddicono che i gatti sviluppino preferenze sociali e rapporti stretti, ma dimostrano che questi rapporti non sembrano basati su un bisogno di sicurezza”.

 

Fonte journals.plos.org

Foto credit Thinkstock

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>