Juma, il giaguaro soppresso causa Olimpiadi (VIDEO)

di Redazione Commenta

A cose fatte, gli organizzatori dei giochi olimpici di Rio si accorgono che è stato un grave errore esporre la torcia olimpica accanto a un animale selvatico incatenato, e lo ammettono anche candidamente. La vittima sacrificale stavolta è stata Juma, un magnifico esemplare femmina di giaguaro, esposto al pubblico come attrazione speciale durante la cerimonia del passaggio della fiaccola olimpica nello zoo della città brasiliana di Manaus. Finché qualcosa è andato storto: Juma è riuscita a fuggire. Allora la paura ha avuto il sopravvento, tanto quanto prima non l’aveva avuto né la prudenza né il rispetto di un animale e la fine della storia è scontata. Juma è stata uccisa.

 

Animali usati ed esposti come divertimento, curiosità, oggetti di arredo, completamento di una scenografia, senza valutare la loro natura, pericolosità compresa, e se sia lecito e anche prudente metterli ‘in vetrina’. Finché poi spesso capita che il giocattolo si rompa tra le mani dell’uomo e le cose si mettano assai male.

E’ successo esattamente così nello zoo della città brasiliana di Manaus, dove si è pensato di esibire Juma, splendido esemplare femmina di giaguaro, come accompagnamento ‘esotico’ al passaggio della fiaccola in vista dei giochi olimpici che inizieranno ad agosto.

Juma ha imposto un drammatico cambio di programma: come riferito da portavoce, il giaguaro femmina è sfuggito alla vigilanza dei suoi gestori perché di fare il pupazzo per soddisfare una stramba vanità umana, proprio non aveva voglia. Allora i suoi gestori atterriti, le hanno sparato quattro freccette di tranquillante ma pare che non abbiano fatto effetto; poi un soldato ha sparato con una pistola uccidendo l’animale.

Gli organizzatori dei Giochi di Rio ora si dolgono molto: è stato un errore esporre la torcia olimpica vicino a un animale selvatico incatenato, ma non gli è passato per la testa di fare la stessa considerazione prima.

Joao Paulo Castro, esperto del comportamento animale dell’università di Brasilia ha detto in soldoni che non era difficile intuire che non era proprio il caso:

Non è né sano né consigliabile sottoporre un animale a una situazione del genere, con un sacco di rumore e la gente. Spesso, i giaguari sono già stressati dall’essere tenuti in cattività, che esposti a confusione non si fa che stressarli ulteriormente, ha detto Castro.

Gruppi di animalisti hanno condannato l’uccisione:

Quando impareremo? Gli animali selvatici tenuti prigionieri e costretti a fare cose che li spaventano, che a volte gli provocano dolore e sono sempre innaturali, sono come una bomba a orologeria, ha detto Brittany Peet, direttore di un’associazione per il trattamento etico degli animali (Peta).

L’animale era stato tenuto in uno zoo collegato a un campo di addestramento nella giungla militare. Salvato che era cucciolo dai soldati dopo che sua madre era morta nella giungla, è stato portato fino al campo militare. I giaguari
sequestrati dai cacciatori a volte sono tenuti come mascotte dei battaglioni della giungla e mostrati a parate militari. Ora verrà avviata un’indagine. Ma con quali risultati?

 

Fonte bbc.com

Fonte video youtube.com

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>