Gatto femmina in calore: sintomi e cosa fare

di cinzia iannaccio 1

gatta in calore sintomi cosa fareSe per qualche motivo non avete sterilizzato la vostra gatta, è fisiologico che questa vada in calore, già a sei mesi di vita. E’ facile capire quando questo si manifesta se si presta attenzione al comportamento della micia, ma per chi è alle prime armi potrebbe essere complesso. Ecco allora i primi segni (o sintomi) inequivocabili di una in gatta in calore, ovvero che entra nel periodo dell’”estro”.

Sintomi del calore nella gatta

Nei giorni immediatamente precedenti all’estro, la gatta può assumere un atteggiamento particolarmente affettuoso: con altri  mici, o con l’essere umano, tenderà a strofinarsi e a farsi fare le coccole. Ben noto è poi il richiamo delle gatte, il miagolio continuo che può assomigliare al pianto di un neonato: tale manifestazione perdura per più giorni o fino all’accoppiamento. La micia in calore tenderà inoltre a marcare il territorio e ad assumere la posizione tipica dell’accoppiamento più volte al giorno. La gatta in calore o in procinto di entrare in estro solitamente si lecca anche l’area genitale. In tal caso, se in abbinamento agli altri sintomi descritti, è normale. Ma se tale azione è compiuta in assenza dei suddetti occorre preoccuparsi e valutare la possibilità di una infezione delle vie urinarie, pericolosa nei gatti se non trattata precocemente.

Gatta in calore, quando accade e che fare?

Chiaramente se la gatta è in estro avrà bisogno di un compagno. Se l’accoppiamento non avviene, la micia andrà in estro regolarmente ogni tre settimane circa. Se non si ha intenzione di creare una nuova famigliola di gatti (come nel caso degli allevatori) è sempre consigliato sterilizzare la gatta. Questo non solo eviterà il calore, ma preserverà anche la vostra amica a quattro zampe da alcune malattie. In alternativa, laddove esistano delle momentanee problematiche che non permettono la sterilizzazione il veterinario potrà prescrivere una terapia ormonale in grado di bloccare l’estro. In alternativa, non resta che coccolare la gattina ed attenere che passi.

E voi amici di Tutto Zampe, che esperienze avete al riguardo? Come vi siete comportati con la vostra gatta in estro? Condividete le vostre esperienze nei commenti e nella nostra pagina di Facebook, vi aspettiamo.

Se avete domande o dubbi da porre ai ns veterinari potete visitare la pagina dedicata e riempire il form:

Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets

Per le emergenze rivolgersi al veterinario più vicino

 

Foto: Thikstock

 

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>