Dog eyes, da abbandonati a cani guida per non vedenti (VIDEO)

di Redazione Commenta

Tantissimi cani abbandonati nei canili aspettano di avere una seconda chance; d’altra parte, tantissimi non vedenti che sono in una lista d’attesa lunga anni per avere un cane guida, aspettano anche loro che gli venga offerta una possibilità. Dog eyes è il primo programma sperimentale di educazione cinofila che trasforma i cani abbandonati di qualsiasi razza in guide per ciechi. Un validissimo progetto ideato e portato avanti da Acua, associazione comunicazione uomo animale attiva a Milano che si occupa dell’inserimento dei cani nelle famiglie; in questo caso di randagi, per sfidare un dupice pregiudizio, sui cani abbandonati e sulle persone cieche. Ma occorrono fondi.

 

Oltre 50 mila cani sono abbandonati ogni anno in Italia e la maggior parte di loro muore nei canili, perché considerati di seconda scelta. Mentre aspettano di avere una seconda chance, i non vedenti sono in una lista d’attesa lunga anni per ricevere un cane guida.

L’associazione Acua che si occupa di migliorare la qualità della vita dei cani e delle loro famiglie, ha ideato un progetto per dimostrare che tutti i cani, se opportunamente addestrati, possono diventare cani guida per non vedenti. Un toccante video spiega quale particolare relazione si crei e come sia fondamentale la presenza di un quattro zampe nella vita di persone altrimenti spesso emarginate.

Si chiamano Tyson, Maro, Piuna, Iron e Gastone sono cani abbandonati, non sono labrador, golden retriever, pastori tedeschi o belga né cani australiani, di solito reclutati per diventare cani guida per i non vedenti. Perché siano formati  occorrono fondi.

Con 11 mila euro, spiega l’associazione, si potrà sostenere il percorso dei primi cani educati secondo il sistema Dog Eyes da parte dell’intero team di professionisti coinvolto, dai veterinari agli addestratori, dal canile ospite agli spostamenti per i non-vedenti coinvolti. Quindi formulare uno studio supportato da dati pratici, per trasmettere il metodo a tutti i canili e le associazioni per non-vedenti interessate a usufruire dell’approccio Dog Eyes.

Per aderire alla raccolta fondi e avere informazioni sul progetto si può consultare il sito indiego.

 

Fonte acua-milano.com

Fonte video youtube.com

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>