Diarrea nel gatto, cause, cure e rimedi naturali

di cinzia iannaccio 2

La diarrea nel gatto è un fenomeno relativamente frequente, specie se il felino è anziano o molto piccolo. In genere insorge improvvisamente e dura poche ore o al massimo un paio di giorni e raramente costituisce un problema serio per la salute del micio di casa. Diverso è il discorso se la diarrea nel gatto non passa, è persistente. Scopriamone insieme tutte le cause, le cure ed i rimedi naturali.

diarrea gatto cause rimedi cure


Cause comuni di diarrea nel gatto anziano e piccolo

Si parla di diarrea quando il micio è soggetto a frequenti movimenti intestinali con feci liquide o comunque lente. Le cause vanno da un banale cambiamento nella dieta a gravi malattie infettive. Ecco una lista:

  • Cambiamento nella dieta
  • Bolo di pelo
  • Intolleranze alimentari
  • Abbuffata
  • Intossicazione conseguente ad ingestione di cibo avariato
  • Allergia
  • Infezione batterica o virale
  • Parassiti interni: ascaridi, coccidi e Giardia
  • Malattie infiammatorie intestinali
  • Malattie epatiche o renali
  • Tumori del tratto digerente
  • Alcuni farmaci
  • Ipertiroidismo
  • Colite (infiammazione del colon)

Quando andare dal veterinario

Se l’attacco diarroico dura più di un giorno o si abbina ad altri sintomi (come febbre, vomito, sangue nelle feci, difficoltà nell’espulsione della pupù, letargia, inappetenza o perdita di peso non altrimenti motivata) è importante rivolgersi al veterinario affinché individui la causa precisa e provveda a prescrivere una terapia quanto prima. L’analisi delle feci sarà il primo test (per controllare la presenza di parassiti e/o di sangue) seguita all’occorrenza da radiografie, ecografie, fino alla biopsia.

Cure e rimedi naturali

La prima cosa da fare se il micio sviluppa feci liquide è quella di evitare di somministrargli cibo nella face acuta (al massimo per 12-24 ore), specie se gli attacchi sono molto violenti e fastidiosi. Cambiare l’alimentazione con cose considerate “blocca diarrea” è sbagliato: gli animali sono molto sensibili al cambio di alimentazione, soprattutto i gatti. Infatti, a differenza del cane, seppur per loro l’esperienza della diarrea sia meno comune è certamente più complessa da trattare. Piuttosto è importante dargli abbastanza acqua affinché non rischi la disidratazione. Va bloccata la fase acuta! Se non passa possono essere utili antibiotici o addensanti delle feci e fermenti lattici (meglio se quelli veterinari). Enterogermina? Sì anche 2 fiale al giorno, ma è sempre meglio usare prodotti specifici e chiedere prima al veterinario. Da evitare farmaci come la Loperamide (Imodium, Lopemid, Dissenten) ad uso umano: possono provocare effetti collaterali pericolosi.

Tra i rimedi omeopatici c’è il Podophyllum 5 CH (3 granuli ogni 3 ore, fino a diminuzione del problema). Tra le metodiche naturali anche alcuni Fiori di Bach.

 

Da sapere circa i gatti e la diarrea

Sono particolarmente a rischio i gatti outdoor, ovvero quelli che vanno a spasso fuori di casa perché più esposti a parassitosi intestinali, ma anche il micio pigrone che staziona sul divano non ne è immune, basta che mangi un po più del solito! A differenza di ciò che si pensi, non tutti i gatti sia piccoli che adulti riescono a digerire il lattosio, quindi evitare latte e derivati nella loro alimentazione può essere una buona azione preventiva.  Se si decide di cambiare anche un solo cibo (o brand) nell’alimentazione del felino domestico, occorre procedere con gradualità, mescolando il vecchio alimento con il nuovo o introducendone poco alla volta in 10-15 giorni.

Leggi anche:

Infiammazione intestinale gatto, sintomi, rimedi naturali, cura

7 problemi di salute più comuni nei gatti (FOTO)

Diarrea nel furetto: ecco le cause

Cosa può mangiare il cane con diarrea?

Fonte: Web Md -ASCA

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>