Cane senza guinzaglio in campagna, è possibile?

di Redazione 4

cane senza guinzaglio

Il post di oggi prende spunto dalla richiesta di informazioni giunta da un lettore di Tutto Zampe, che ama passeggiare in campagna con il suo fedele amico a quattro zampe, spesso lasciandolo libero di correre e giocare tra l’erba. Purtroppo però dobbiamo confermare quanto già riferito altre volte: il cane, al di fuori delle aree non strettamente individuate, deve essere sempre tenuto al guinzaglio. Per quel che attiene alla campagna nello specifico,  i cani dovrebbero essere tenuti al guinzaglio per proteggere la fauna selvatica: possono essere liberati solo i cani da caccia e quelli da pastore, ovviamente nelle aree specificatamente adibite a queste ultime.

In effetti ogni volta che ci si trova in un terreno non recintato occorre sempre tenere il migliore amico dell’uomo legato: al comune cittadino non è possibile liberare il proprio animale, a meno che non si tratti di un gatto. Pur in assenza di una disciplina specifica (fatti salvi i regolamenti comunali) in materia, occorre tenere in considerazione che il proprietario di un animale domestico deve agire con la diligenza del buon padre di famiglia. Ciò significa che il proprietario deve mantenere il comportamento che qualunque persona avveduta avrebbe tenuto in quella determinata situazione: ricordiamo che la responsabilità per quello che combina il proprio cane lasciato libero e senza guinzaglio, ricade sempre sulla persona che ne detiene la proprietà.

In caso di violazione della suddetta norma di condotta, potrà essere elevata una ammenda da 50 a 300 euro, come sancito dall’ordinanza del ministero della Salute del 2009. Sono esenti dall’uso del guinzaglio, come dicevamo, le aree di sgambamento: si tratta in tale caso di zone specificatamente individuate dove i proprietari sono autorizzati a lasciare i propri pets liberi di sgambare. Purtropo di tali aree ce ne sono poche, soprattutto nei piccoli comuni, e pertanto risulta difficile far giocare il proprio amico a quattro zampe in totale libertà.

Foto credits: Thinkstock

Commenta!

Commenti (4)

  1. A mio parere i cani dovrebbero essere lasciati liberi nelle zone di campagna dato che non vi è praticamente nessuno. Poi ultimamente ho scoperto che le persone passano velocemente evitando i cani, essi non disturbano ma se invece gli provochi all’ora ti ANNUSANO. Quindi io non ci trovo nulla di male nel rilasciare i cani in libertá dopotutto è stato scientificamente provato che un cane al guinzaglio si sente imprigionato come se fosse nel recinto a differenza di una cane libero.

    1. Sono pienamente d’accordo sulla libertà di tutti gli animali, tranne dove la libertà finisce in aggressività e cacciagione. In tal caso i “proprietari” devono assumersi la responsabilità di tenere al guinzaglio, o comunque sempre sotto sorveglianza.

  2. Trovo assurdo che nei boschi ed in campagna non si possa lasciare libero di correre un cane. Si parla di protezione della fauna come se le innumerevoli attività umane fossero esenti dai danni all’ambiente e alla fauna specialmente in montagna. Si parla di tutela della fauna come se il cane fosse uno sterminatore di altre specie e non fosse un animale che abbia esso stesso necessità di correre e sgambare in libertà .
    L’aggressività dei cani inoltre spesso si manifesta proprio perché tenuti in cattività e perché non viene consentito loro di correre e sgambare secondo le loro necessità.
    Occorre obbligare tutti i Comuni a destinare una parte del territorio per il libero sgambamento dei cani .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>