Il canarino rosso, ovvero il volatile colorato

di Redazione 2

canarino rosso

A differenza di quello che comunemente si pensa, il canarino rosso non è il frutto della mutazione di un canarino giallo, bensì è il risultato dell’ibridazione con il Cardinalino del Venezuela, è quindi il suo brillante colore rosso è dovuta alla capacità del canarino di sintetizzare i caroteni in rosso invece che in giallo.

C’è da dire, comunque, che il colore rosso di questo volatile è dovuto anche alla somministrazione di coloranti sintetici durane la muta, con l’obiettivo di ottenere una tonalità più brillante; i coloranti più usati, che vengono generalmente mescolati nel cibo o nell’acqua, sono il betacarotene, la cantaxantina e il carofil rosso. Secondo gli allevatori, un buon canarino rosso deve presentare una colorazione uniforme e brillante, che non tenda né all’arancio né al viola.

In particolare, gli allevatori prestano attenzione alla coda e alle ali, che non devono essere di diverso colore, fatto che può accadere frequentemente; è sempre l’allevatore che decide se procedere alla colorazione del volatile alla nascita oppure aspettare circa 40 giorni.

È da sottolineare il fatto che la colorazione dei canarini è strettamente legata alle esposizioni e agli allevamenti: non è affatto necessario, né giusto, tentare di colorare il proprio canarino giallo, cioè quello che ci tiene compagnia in casa e ci rallegra con i suoi cinguettii.

 

 

 

Commenta!

Commenti (2)

  1. che belli io ne avevo uno pero’ e’ mortooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>