Area di sgambamento troppo vicina a un condominio, come fare?

di Redazione 1

Ci sono delle distanze minime che un'area di sgambamento per cani deve rispettare rispetto ad un condominio? Ecco la risposta del nostro esperto legale in materia.

Richiesta di consulto legale: Gentile avvocato, io ed altri abitanti del mio condominio viviamo una situazione di disagio, da quando hanno realizzato in aderenza al nostro stabile una area per cani . L’area è costantemente aperta giorno e notte ed è diventata un canile a cielo aperto, in zona non esistono altre aree di sgambamento e tutti i proprietari di cani portano il loro animale in questa area. Volevo chiederLe, esiste una regolamentazione che indichi quale sia la distanza minima che questa area di sgambamento deve avere rispetto alle abitazioni?

Area di sgambamento

Risponde l’avv. Maria Giulia Tarroni del Foro di Ravenna ([email protected])

Gentile lettore, posso capire la situazione di disagio che provate voi condomini, nel dover gestire un’area di sgambamento che non è regolamentata in alcun modo, soprattutto se non avete animali domestici. Al di la delle leggi, che a breve vi indicherò, vi consiglio magari di trovare un accordo con i proprietari dei cani, indicando ad esempio degli orari in cui accedere, magari attaccando un cartellone in bella vista e chiedendo la collaborazione di tutti.

Dal punto di vista legale, la distanza minima dell’area dalle abitazioni non deve essere inferiore a mt. 40, derogabili in casi particolari. La gestione dell’area cani solitamente è auto regolamentata magari da un comitato creato ad hoc, o dai singoli soggetti che vi accedono.

Potete richiedere in Comune che venga emanato un regolamento al fine di individuare orari di accesso e modalità di pulizia e di gestione della stessa. In bocca al lupo!

Se avete altri dubbi di natura legale, compilate il nostro form per chiedere una consulenza online!

Foto credit Thinkstock

Commenta!

Commenti (1)

  1. Cari amici, forse sarebbe meglio aggiornare questa risposta ed essere a conoscenza del documento del Ministero dell’Ambiente emesso il 25 maggio 2017 (ovviamente scaricabile da chiunque dal sito del Ministero) che a pg 26 e 27 cita (sintetizzo) :
    “La corretta progettazione di un’area cani dovrà considerare alcuni importanti criteri, tra cui:

    – distanza di almeno 100 metri dalle abitazioni, dalle scuole e dalle aree ludiche per i bimbi;
    – presenza di apposita segnaletica (cartello come per i giardini, con le regole da rispettare) …
    …”

    Inoltre leggere anche su romah24.com :
    “… Cosa prevede il regolamento:
    Un apposito regolamento comunale ne disciplina la loro istituzione. Questi spazi devono essere recintati, trovarsi ad almeno 100 metri dalle case, che salgono a 200 per quelle dedicate allo “sgambamento” (più grandi delle normali aree, per permettere ai cani di correre in libertà), essere dotati di fontanelle, cestini e servizi per i proprietari degli animali. …”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>