Animali maltrattati, il primo registro negli Usa

di Redazione Commenta

Entrerà in vigore dal 1 gennaio 2016 e sarà di pubblico dominio. Grazie a una legge recentemente approvata all’unanimità, lo stato americano del Tennessee, primo in assoluto, avrà il registro degli animali maltrattati. L’iniziativa vuole essere un deterrente contro abusi, torture, uccisioni di animali, e intende impedire alle persone con un passato di violenza e crudeltà sugli animali, di adottarne o acquistarne ancora.

 

Pet, 1 registro maltrattamenti in Usa

 

Il registro che sarà pubblicato sul sito web del Tennessee Bureau of Investigation conterrà l’elenco di chi si è macchiato di reati quali crudeltà aggravate sugli animali, combattimenti di animali e/o di cani, crudeltà verso gli animali e reati connessi. Ma c’è di più: l’elenco completo comprende nome, fotografia di chi abusa o ha abusato di animali, ed eventuali altri dati identificativi di chi ha avuto specifiche condanne.

Per la prima infrazione commessa, il responsabile resterà nella lista per due anni. Se avrà condanne successive, verrà iscritto nello stesso registro per 5 anni. Questa legge approvata all’unanimità, oltre a sostenere i diritti degli animali, vuole consentire un’azione concreta per prevenire gli abusi e impedire a chi ha già commesso crimini contro gli animali di reiterarli. Inoltre consultando il registro, il processo di adozione di animali domestici può essere più controllato e sicuro; chiunque può verificare comportamenti sospetti magari di qualche conoscente.

Ora negli Usa altri stati vogliono intraprendere la stessa iniziativa: Connecticut, Illinois, Massachusetts, Michigan, New Jersey, New York, Pennsylvania, Texas, Virginia, e West Virginia. Un ottimo esempio di civiltà in un immenso paese pieno di contraddizioni, dove in alcuni stati ancora vige la pena di morte.

 

Fonte: examiner.com

Photo credits: Thinkstock

 

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>