Animali in aereo con le famiglie per fuggire dall’incendio

di Redazione Commenta

Cani, gatti, ma anche tartarughe: animali domestici in aereo, tutti imbarcati accanto ai loro proprietari in fuga dal terribile incendio che ha colpito in questi giorni la provincia canadese dell’Alberta. Due compagnie aeree, la WestJet e la Canadian North,  per agevolare l’allontanamento di massa dalle aree incendiate, hanno abolito le restrizioni normalmente attive verso i pets nelle cabine degli aerei. Un’intera città (Fort McMurray, nella provincia dell’Alberta) con oltre 80 mila abitanti è stata evacuata perché le fiamme intensificate a causa del vento hanno assediato le case.

 

 

cane in aereo

Proclamato lo stato d’emergenza a causa dell’ incendio di proporzioni colossali che sta devastando la provincia di Alberta, in Canada, con 88 mila sfollati insieme ai loro animali, due compagnie aeree canadesi, la WestJet e la Canadian North  hanno abolito le restrizioni che normalmente applicano nelle cabine degli aerei nei confronti degli animali domestici.

Questa opzione è stata decisiva per favorire l’evacuazione in massa dalle zone pericolose, visto che uno dei principali motivi per cui le persone rifiutano  di andarsene in questi casi, è il fatto di non poter portare con loro gli adorati pet. Questa possibilità di viaggiare in aereo accanto ai propri animali ad esempio non c’era stata durante l‘uragano Katrina e ciò aveva purtroppo frenato tante persone dalla fuga.

In nome dell’amore per gli animali domestici, le compagnie aeree stanno lavorando per mantenere unite le famiglie  ai propri quattro zampe, e fatto scattare la catena di solidarietà: quando è stata diffusa la notizia dell’evacuazione e le foto degli animali sugli aerei sono diventate virali sui social media, centinaia di persone ha iniziato ad offrire le proprie case e il loro aiuto agli sfollati.

Centinaia di sfollati soggiornano a Lac La Biche, tra Alberta e Edmonton.  CBCNews riferisce che più di 70 animali sono situati in una zona speciale  in cui hanno cibo, cucce, giocattoli, e qualsiasi altra cosa di cui questi animali possano avere bisogno. Gli sfollati non sanno quando potranno fare ritorno a casa ma almeno le famiglie, animali compresi, sono unite, cosa che è un grande conforto in un momento di tale tragedia.

 

Fonte  barkpost.com

Photo credits twitter.com

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>