Strage di cani da compagnia in Cina

di Piera Lombardi 1

Ancora terribili notizie dalla Cina: un’uccisione di massa di cani da compagnia è stata fatta presso Zhiyan,  villaggio turistico nella provincia di Zhejiang, nord della Cina. Le autorità del villaggio sostengono di aver organizzato la ‘caccia al cane’ per motivi ‘igienici’; per mantenere il villaggio pulito e sicuro per i visitatori.

Strage di cani in Cina

86 cani risultano essere stati uccisi a Zhiyan in una vera e propria caccia al cane organizzata dalle autorità; ma quel che è peggio è che la loro carne è stata inviata alle case di riposo locali come cibo da dare agli anziani. Due settimane prima nel villaggio era comparso un bando che diceva:

“Mantenete i vostri animali domestici e bestiame, tra cui polli, anatre, oche, conigli, pecore, mucche, rinchiusi. Se saranno trovati in giro per il paese, verranno uccisi. Non sono ammessi i cani da compagnia. Essi saranno uccisi se trovati”.

Ai proprietari di cani sono stati dati 50 yuan, circa 5 euro, se si fossero liberati degli animali per tempo. Chen Baochang, funzionario di zona, ha dichiarato che la sentenza ‘nessun cane’ è stata fatta per il bene di tutta la comunità e che il 75% degli abitanti del villaggio è stato favorevole. Il borgo antico è una popolare attrazione turistica con un centinaio di visitatori al giorno. Alcune famiglie sono riuscite a inviare i loro animali fuori del villaggio nelle case di amici e parenti. Ora, alcuni li stanno lentamente facendo tornare nella speranza che non ci siano altri abbattimenti.

Ricorderete che già a settembre il governo cinese nel quartiere Dayang New District, che si trova nella città orientale di Jinan, aveva  annunciato una caccia al cane simile,  se i residenti non si fossero sbarazzate dei loro animali sul loro ordine. La Cina è anche il paese del festival di Yulin. Queste pratiche barbariche e assassine dovrebbero essere duramente sanzionate dalla comunità internazionale.

 

Fonte: dailymail.co.uk

Foto credit: Thinkstock

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>