Proteggere le orecchie del gatto dal freddo

di Redazione 1

Cari amici di Tuttozampe, non so lì da voi, ma qui nel profondo Sud le temperature sono a dir poco agghiaccianti. Il tempo ideale per riscaldarsi di coccole vicino al camino con i nostri Fido e Micio.

Vi abbiamo dato spesso consigli su come proteggere cani e gatti dal clima rigido e qualche precauzione in più è sempre utile, malgrado i nostri pelosetti abbiano un cappotto naturale che li difende dal freddo polare.

Oggi, nello specifico, vogliamo occuparci delle orecchie del gatto che, qualora esposte all’aria gelida se il gatto ha accesso all’esterno o trascorre molto tempo in giardino e sul balcone, possono apparire gonfie e doloranti, causando non pochi inconvenienti al nostro micio.

I veterinari che operano nelle aree più fredde lo sanno: quello delle orecchie che quasi si congelano è un problema lamentato spesso dai proprietari di gatti. Ma quali sono gli interventi raccomandati dagli esperti? Il dottor Miller, consulente di Petplace,  spiega che il congelamento è una ferita al tessuto che si verifica quando l’animale viene esposto a temperature sotto lo zero ed alle intemperie, nello specifico venti molto gelidi e sferzanti. I principali settori che sono interessati includono le zampe, la coda e la punta delle orecchie.

Se pensate che il vostro gatto sia stato colpito da congelamento, la prima cosa da fare è allontanarlo immediatamente dall’ambiente freddo e cominciare lentamente a riscaldare i tessuti colpiti. Meglio farlo soggiornare in un luogo caldo e coprirlo con una coperta (specialmente se riesce a scaldargli delicatamente le orecchie). Anche una coperta riscaldata può essere d’aiuto per ristabilire lentamente la temperatura corporea ideale per il micio e dare sollievo alle aree del corpo congelate.

Per alcune parti del corpo è possibile intervenire fasciando la zona colpita, ma non per le orecchie. Non utilizzare l’acqua calda sul gatto. Le ferite potrebbero dover esser pulite. Nei casi più seri, il veterinario prescriverà degli antidolorifici ed una terapia antibiotica utile per combattere il dolore e contrastare le infezioni.

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>