Orrore nei canili pubblici Romeni: VIDEO E FOTO shock

di cinzia iannaccio Commenta

 

 orrore foto video canili romania

E’ orribile. Noi di Tutto Zampe non mostriamo mai immagini raccapriccianti di animali maltrattati e feriti, per rispetto agli animi sensibili che ci seguono anche sulla nostra pagina di facebook, che raccoglie tanti bambini. Ma quello che accade in Romania, soprattutto se si pensa che il dossier diffuso in queste ore riguarda i canili pubblici, non può che essere denunciato, con tutta la forza che si ha. Per questo nel raccontarvi di tale notizie, il video e le foto a documentazione sono solo in coda. Chi non vorrà, non guarderà, ma almeno saprà.

La notizia ci è stata segnalata da Save the Dogs and other Animals onlus, un’associazione che già da qualche anno opera in Romania per la tutela dei randagi, da troppo tempo sotto sterminio nei modi più crudeli, ed è confermata da un’inchiesta appena resa nota, con tanto di foto e video svoltasi tra marzo e maggio 2014 dall’associazione Vier Pfoten.

Nonostante un anno fa sia stata approvata una legge per la gestione del randagismo, non troppo perfetta, dalla documentazione dell’inchiesta risulta evidente come gli unici aspetti positivi della stessa ( come l’obbligo alla sterilizzazione degli animali con padrone e la loro registrazione in anagrafe canina) siano totalmente disattesi. Al contrario lo sterminio avanza e assenti continuano ad essere le strutture logistiche ed il sistema organizzativo per la gestione dei randagi previsti dalla normativa.

Da qui il primo video, girato struttura-lager di Bacau, nel Nord-Est del paese, dove sono detenuti 2.000 cani che muoiono ogni giorno di inedia o di malattie, ed il secondo allegato all’inchiesta dell’’associazione Vier Pfoten. Così anche le immagini.

ATTENZIONE, IMMAGINI FORTI, non fate vedere ai bambini.

 

Si legge nel comunicato stampa:

 

” Pur non condividendo i contenuti della Legge 258/2013, Save the Dogs chiede al Governo del Primo Ministro Victor Ponta di intervenire quanto prima attraverso gli organi competenti per sanare una situazione inaccettabile. Inutile ricordare che oltre alla sofferenza inflitta a decine di migliaia di animali, gli abusi documentati dalle associazioni danneggiano gravemente l’immagine internazionale della Romania.”

Maggiori informazioni sull’associazione ed il caso sul sito www.savethedogs.eu  www.footprintsofjoy.eu

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>