Marty, il gatto più viziato del mondo

di Redazione 1

Gatto viziato

Lo vedete il gatto “spaparanzato” nel lettone in foto? Secondo due coniugi gallesi è il felino più coccolato e viziato di tutta la Gran Bretagna e, forse, del mondo. Lana e Dave Rowe, i padroni di Marty, abitano a Powys e il loro obiettivo quotidiano è colmare di amore il loro pet prestandogli tanta attenzioni e… denaro.

Marty ha la sua stanz e può dormire in un letto a due piazze, passare la giornata tra pregiati e morbidi asciugamani appena lavati dai suoi padroni. Quando arriva Natale riceve enormi ceste in regalo, non è da meno il suo compleanno che lo vede festeggiato con un party. Per quanto riguarda il cibo non gli fanno mancare niente, ha un menù vario che dipende dalla giornata e, se quel giorno non ha voglia di quello che gli è stato preparato, lo si accontenta con qualche altra delizia, ad esempio il giovedì è dedicato al tonno fresco.

Il felino più viziato del mondo è finito nella “reggia” a Powys quando aveva otto settimane, i suoi genitori putativi arrivano a spendere più di 80 euro al mese in giocattoli, cibo di gran qualità e toilettatura. Mr Rowe ammette che qualcuno potrebbe trovare eccessiva la loro devozione nei confronti di Marty:

Per noi è come un figlio e se avessimo un bambino Marty non passerebbe di sicuro in secondo piano

Al di là della notizia curiosa è molto interessante affrontare un argomento come questo, viziare un animale significa fargli del male come nel caso del cane e dell’arrivo dell’obesità. Non solo vip ma anche persone normali tendono a pensare che un animale viziato sia un animale felice, invece non è così. I pet hanno bisogno di regole, di coerenza, la storia di Marty è sicuramente divertente però non deve essere di insegnamento, un animale non è un animale contento perché può mangiare ciò che vuole nelle quantità che vuole e ha un cesto di giocattoli immenso.

Fonte

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>