Malattie del cane e del gatto, quali potenzialmente pericolose per l’uomo?

di Valentina Commenta

I nostri animali domestici nel corso della loro esistenza possono essere colpiti da diverse malattie, alcune molto simili a quelle degli esseri umani, altre ai quali i padroni devono fare attenzione sia per preservare la salute del cane e del gatto, sia per evitare un eventuale contagio. Quali sono quindi le patologie potenzialmente pericolose per l’uomo?

attenzione a malattie degli animali

Attenzione a Leshmaniosi e Parassiti

Non bisogna avere paura di essere in contatto con il proprio animale ma in alcuni casi è importante prestare attenzione affinché per primo il nostro amico a quattro zampe non entri in contatto con specifici parassiti o agenti patogeni.

Ad esempio è importante sverminare i cuccioli di cani e gatti dalla larva migrans: di solito i cuccioli vengono contaminati via placenta o tramite il latte materno, mentre gli animali adulti attraverso l’ingestione di uova riscontrabili nel terreno. Si tratta di un tipo di parassitosi che si trasmette all’uomo per via oro fecale. La maggior parte delle persone è asintomatica nella manifestazione della malattia: i problemi scattano quando essa entra nella forma viscerale: a seconda dell’organo colpito possono esservi sintomi differenti. Nel caso di localizzazione oculare può esservi una riduzione progressiva della vista.

Altra malattia da tenere sotto controllo negli animali è la Leishmaniosi. Questa particolare zoonosi responsabile può dar vita a forme gravi e talvolta mortali della patologia nell’uomo, in particolare nelle persone con sistema immunitario più debole come anziani, bambini, pazienti immunodepressi o affetti da HIV. Importante: nonostante siano in crescita i casi di malattia canina, non è stato registrato un aumento nei contagi umani. Si tratta di una patologia difficile da curare e difficile da individuare: è bene proteggere il cane dalla puntura di insetti infetti. In questo caso la prevenzione è basilare.

Tigna e toxoplasmosi: igiene importante

prendersi cura dei propri animali

Una delle malattie dei cani e dei gatti (e dei cavalli) che sembra colpire l’uomo con una certa facilità è la tigna: si parla di una micosi cutanea derivante dal fungo Microsporum canis. Questo tipo di patologia può essere attaccata dall’animale all’uomo e viceversa. Nel caso si dovesse avere a che fare con animali infestati è bene gestirli utilizzando guanti protettivi e mantenendo una corretta igiene personale.

La micosi cutanea può essere trasmessa dagli animali all’uomo ma anche viceversa. I gatti ed i cavalli sono particolarmente sensibili a questo tipo di infestazione. La protezione più efficace contro la tigna consiste nell’indossare guanti protettivi quando si manipolano animali infestati e nel mantenere una buona igiene personale. Spesso le spore possono essere trasportate mediante i vestiti ed infettare altri ambienti.

Se si possiede un gatto è importante proteggere soggetti immunodepressi e donne in gravidanza dal parassita causa della Toxoplasmosi: come? Utilizzando sempre i guanti e pulendo ogni giorno la lettiera del felino.

Infine, ma non per importanza, l’uomo deve fare attenzione alle zecche e alla malattia di Lyme di cui sono portatrici: nell’uomo possono causare febbre, dolori articolari e muscolari e sintomi tipici dell’influenza: l’uso di antiparassitari specifici per i nostri animali è consigliato.

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>