L’erba gatta, ovvero il vizio dei felini

di Daniela 3

erba gatta

Esiste un’erba a cui i gatti non sanno proprio resistere: è l’erba gatta, ovvero una pianta chiamata Nepeta cataria; l’odore emesso dalle sue foglie è irresistibile per i mici, che sembrano non riuscire a resistere dal mangiarla, ma non solo, quando sono vicini ad essa iniziano a saltare e correre come in preda ad una travolgente euforia.

Quanto i gatti si avvicinano all’erba gatta lo fanno seguendo un rituale tutto loro: prima la annusano, poi ne mordono le foglie e infine strofinano il corpo intorno ad essa; il gatto effettua tutto questo da solo, senza la presenza di altri simili nei dintorni. L’erba gatta contiene nepetalactone, una sostanza considerata un surrogato degli ormoni sessuali felini, che i mici percepiscono attraverso gli organi olfattivi; ad essere attratti da essa sono soprattutto gli esemplari giovani e gatti domestici.

Ci sono anche altre piante che hanno sui gatti effetti simili a quella della Nepeta cataria, e cioè la Valeriana e il Maro; pare che ciò sia dovuto ad alcune sostanze chimiche contenuti in queste erbe che agiscono sul sistema nervoso dell’animale. I padroni devono stare tranquilli: pur creando una certa dipendenza questo effetto non è nocivo sulla loro salute, anche perché i gatti sanno riconoscere per istinto ciò che è velenoso.

Queste piante si possono trovare anche essiccate in erboristeria e nei negozi di animali, anche se è meglio coltivarle in un vasetto in modo da offrirle fresche al proprio gatto.

Commenta!

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>