Insufficienza cardiaca congestizia nel cane

di Paola P. 6

Una grave minaccia per la salute del cuore del nostro cane è l’insufficienza cardiaca congestizia. Si tratta di un disturbo cardiaco provocato da un’anomalia nella struttura o nella funzionalità del miocardio. Il cuore è una pompa e quando non funziona correttamente fallisce e non è più in grado di irrorare la quantità normale di sangue ai tessuti del corpo. Spesso l’insufficienza cardiaca porta a ritenzione di liquidi nei polmoni.

Ci sono molte cause scatenanti insufficienza cardiaca nei cani, tra cui:

  • congenite, ovvero nascere con difetti del cuore;
  • degenerazione delle valvole cardiache;
  • malattie del muscolo cardiaco (cardiomiopatia);
  • filariosi cardiopolmonare;
  • malattie del pericardio (il rivestimento intorno al cuore);
  • ritmi irregolari del cuore (aritmia).

L’insufficienza cardiaca può colpire cani di qualsiasi età e razza, anche se c’è senza dubbio una predisposizione per l’insufficienza cardiaca causata da cardiomiopatia nelle razze canine giganti. Molti animali anziani e cani di piccola taglia sviluppano insufficienza cardiaca a causa della funzione anormale delle valvole cardiache quando il tessuto della valvola degenera.

Lo scompenso cardiaco colpisce il cane, riducendo la quantità di sangue che viene pompata ai muscoli a fatica. Inoltre, la maggior parte dei casi di scompenso cardiaco è associata ad un accumulo di liquido nei polmoni (edema polmonare), versamento pleurico e ascite. Questo accumulo di liquidi può portare alla mancanza di respiro e ad altri problemi come tosse e difficoltà respiratorie.

Sintomi

Alcuni dei sintomi di insufficienza cardiaca, e la progressione dell’insufficienza cardiaca in un cane, sono correlati alla maggiore attività del sistema nervoso e all’aumento delle concentrazioni di ormoni in circolo nel sangue. Questi includono:

Diagnosi

Il veterinario, oltre all’esame fisico che prevede l’auscultazione del cuore e dei polmoni, può prescrivere i seguenti esami:

  • Una radiografia del torace
  • Misurazione della pressione arteriosa
  • Elettrocardiogramma (ECG)
  • Esame ecografico del cuore (ecocardiogramma)

Trattamento

Il trattamento per l’insufficienza cardiaca congestizia varia a seconda della causa sottostante. Può includere uno o più dei seguenti provvedimenti:

  • Il trattamento iniziale può richiedere l’ospedalizzazione con un diuretico, ossigeno, e altri farmaci a base di nitroglicerina.
  • Diuretici come il Lasix a base di furosemide.
  • Il versamento pleurico (liquido intorno ai polmoni) può richiedere un drenaggio usando un piccolo ago: un trattamento chiamato “toracocentesi”. Questo spesso migliora la respirazione ed arreca sollievo al cane.
  • Nitroglicerina: è spesso usata topicamente (sulle orecchie o l’addome o su un’altra area relativamente glabra).
  • Altri diuretici, come lo spironolattone.
  • Inibitori dell’enzima di conversione, come enalapril (Enacard) o benazepril. Questi farmaci bloccano alcuni degli ormoni nocivi che circolano nello scompenso cardiaco e prevengono la ritenzione di sodio.
  • Una dieta che limiti l’assunzione di sodio e prevenga la ritenzione idrica.
  • Digossina (Lanoxin; Cardoxin).
  • Integratori alimentari.

Cure a casa e prevenzione

A casa:

  • Somministrate tutti i farmaci prescritti dal veterinario.
  • Monitorate l’attività generale del cane, la capacità di esercizio e l’interesse per le attività di famiglia.
  • Tenete un registro per controllare l’appetito e la respirazione più o meno difficoltosa, ed annotate la presenza di eventuali sintomi quali tosse o stanchezza.
  • Mai negare l’acqua al cane, anche se sta urinando più del normale.
  • Mai cambiare il dosaggio dei farmaci.
  • Trattate le difficoltà respiratorie come un’emergenza, portando immediatamente il cane dal veterinario quando respira a fatica.

In generale, l’insufficienza cardiaca non può essere evitata, anche se la diagnosi precoce delle cause di fondo è in grado di fornire una migliore qualità della vita. Una volta diagnosticata, si dovrebbe evitare un eccesso di attività fisica o eccitazione, evitare l’alto calore e l’umidità ed optare per una dieta povera di sodio.

[Fonte: Petplace]

Commenta!

Commenti (6)

  1. Caro dottore, buonasera, io ho un cagnolino di 16 anni che da un po di tempo a questa parte respira a fatica anche quando sta fermo, è come se si sforzasse (ad esempio quando uno fa sollevamento pesi e emette quei versi) dopo di che ha sempre il fiatone, cammina a fatica e si ferma spesso di botto mentre cammina, inoltre sta con il capo piegato verso il pavimento come se volesse annusare, ha l’addome gonfio e teso. La notte ultimamente abbaia e emette versi di dolore e non riusciamo a capire di cosa si tratti! Premesso questo vorrei precisare che il cane ha un soffio al cuore abbastanza pronunciato quindi ha un insufficienza cardiaca abbastanza seria. Il cane è stato piu volte visitato dal veterinario ma qui purtroppo la situazione nn migliora. L’ultima volta addirittura gli hanno forato l’addome con la siringa per vedere se c’era liquido in addome ma nulla, il cane va di corpo e urina regolarmente, e conserva un buon appetito anche se ultimamente beve molto piu spesso!…SECONDO LEI COSA DOBBIAMO FARE? La notte (ma anche il giorno piu raramente) sembra un anima in pena afflitto da mille spasmi e dolori!…Grazie per una eventuale risposta!

    1. le diagnosi a distanza non possono essere effettuate, occorre che vi rechiate dal vostro veterinario di fiduci a per far visitare il cane e decidere quale sia la strada migliore per la cura della sua eventuale disfunzione. Grazie per averci scritto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>