Gatto non mangia, tutte le cause

di cinzia iannaccio Commenta

“Il mio gatto non mangia più, è inappetente: è anoressia?” Il termine anoressia indica una persistente mancanza di appetito sintomo di diverse malattie (anche a livello psichico) nel gatto, così come nel cane o nell’essere umano. Sì è vero, i gatti spesso sono un po schizzinosi, ma se il problema sopraggiunge all’imprvviso e non passa nell’arco di qualche giorno è opportuno indagarne prontamente le cause: quando gli animali non si nutrono abbastanza e subiscono una drastica e repentina perdita di peso possono incorrere in seri problemi di salute quali la lipidosi epatica (accumulo di grassi nel fegato) e conseguente insufficienza epatica. Ecco quindi quali sono le cause possibili e cosa fare.

gatto non mangia cause

 Gatto non vuole mangiare, ha una malattia?

La perdita dell’appetito di un gatto è un campanello d’allarme importante: c’è qualcosa che non va! Tra le malattie che possono avere questo sintomo troviamo:

  • Infezioni
  • Insufficienza renale
  • Pancreatite
  • Gastroenterite
  • Tumore
  • Febbre
  • Mal di denti
  • Infiammazione della gola o della bocca

 

Non sempre si tratta di cose gravi, ma è opportuno che il veterinario visiti il micio proprio per escludere il peggio e /o comunque iniziare le terapie del caso. Curata la causa di fondo la maggior parte delle volte aiuta ad eliminare il sintomo.

 

 

Gatto non mangia dopo il vaccino o l’antibiotico

L’inappetenza può essere una reazione avversa al vaccino (se fatto di recente): nella stragrande maggioranza dei casi le vaccinazioni sono ben tollerate, ma come tutti i farmaci possono avere effetti collaterali. Se il gatto non mangia più subito dopo un vaccino, può essere questa la causa. In genere è un sintomo passeggero. Lo stesso dicasi in caso di antibiotico: del resto non capita anche a noi umani di sentirci un po disturbati dopo l’assunzione di questi farmaci?

 

Gatto non mangia dopo intervento chirurgico come la sterilizzazione

E’ uno degli altri casi frequenti di mancanza di appetito da parte del gatto. Si tratta di una causa facilmente identificabile e comprestibile. Tutto passa, presto, nell’arco di pochi giorni. All’occorrenza è opportuno parlarne con il proprio veterinario.

 

Gatto non mangia più dopo un cambio di casa o viaggio

Un viaggio, il cambio di casa, della mobilia o del posto della ciotola per il cibo possono indurre un disagio psicologico in molti abitudinari gatti. Quando si è in procinto di qualche cambiamento sostanziale nell’ambiente domestico, o della routine, è opportuno abituare con gradualità il gatto. Ad esempio: si è in procinto di cambiare casa? Portate il micio qualche volta per pochi minuti in avanscoperta prima del trasferimento definitivo, ed aiutatevi con ferormoni spray! Lavorare sulla prevenzione aiuta ad evitare problemi seri.

 

Cambiamento del cibo

Il nuovo cibo può non piacere! Capita di cambiare per provare una nuova marca più economica di cibo commerciale, perché il veterinario ha suggerito una linea specifica, o semplicemente perché si è appena adottato il micio e lo si sta nutrendo per le prime volte. Anche in questo caso, è opportuno testare, valutare, fare dei cambiamenti graduali (un po di nuovo cibo per volta da introdurre nella dieta nell’arco di qualche settimana) chiedendo consigli pratici al veterinario. Meglio evitare il fai da te con i cibi (specie quelli per umani) e non lasciare mai il gatto senza mangiare. Il fegato ed il tonno possono piacere e fungere da stimolanti dell’appetito (ma il vet. può prescrivervi anche dei farmaci all’occorrenza); valutare se ciò che non piace è il cibo riscaldato, l’olio o un altro ingrediente aggiunto (se è cibo preparato in casa), o magari semplicemente se è stantio (una volta assaggiato non si fiderà più).

 

Problemi psicologici

Una volta escluse tutte le malattie e le altre situazioni di cui sopra è chiaro che l’inappetenza del gatto può avere origine dalla sua psiche: ansia, depressione, disturbo post -traumatico da stress, sono le cause psicologiche più comuni. In questo caso potrebbe essere utile anche rivolgersi ad un veterinario esperto in comportamento.

Leggi anche:

 

 

Gatto non mangia ed è magro, che fare?

Cosa fare se il gatto non mangia più?

Cosa fare se il gatto trascina il cibo fuori dalla ciotola

Cosa fare se il gatto mangia le piante

Gatto con febbre non mangia, veterinario risponde

Fonte: WebMD

Foto: Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>