Gatto nero day: giornata contro la superstizione

di Redazione 3

I più commentano la superstizione come frutto dell’ignoranza o una forma atavica di antiche credenze: il risultato è che certe abitudini sono davvero dure a morire. Specchi rotti che porterebbero sette anni di disgrazia e il divieto tassativo di passare sotto una scala, non sono pensieri meno bizzarri del credere che un amico a quattro zampe in grado di fare le fusa, se scuro, debba essere evitato. Per questo oggi è il Gatto Nero Day, per sfatare una leggenda che è legata ai “secoli oscuri” del Medioevo, quando queste creature accompagnavano quasi sempre le streghe e, quindi, considerati anch’essi felini ambigui e occulti.
La cosiddetta rivincita del micio è, quindi, arrivata e il manto a tinta unica, è diventato una ricorrenza istituita da Aidaa, l’Associazione Italiana difesa animali e ambiente. In realtà l’idea non è nuova e viene proposta da alcuni anni, ma è importante che sempre più persone la ricordino per combattere definitivamente un fenomeno obsoleto e, ormai, assolutamente fuori luogo, più che in passato. Meno fortunati dei nemici di sempre, i cani, quindi, che non sono mai stati esseri discendenti direttamente dal demonio, tanto da meritare di essere arsi vivi sul rogo come le fattucchiere.
Tutt’ora, restano il bersaglio preferito dei satanisti ed è necessaria una campagna di sensibilizzazione più incisiva. A completare la giornata, stavolta, c’è stata pure la promozione del concorso ‘Miss Gatto Nero’, gara fotografica nazionale aperta a tutte le donne amanti dei gatti neri o che ne possiedono uno. Le persone che hanno preso parte al progetto, hanno scelto di farsi immortalare insieme al loro amico a quattro zampe e, ancora adesso, stanno arrivando tantissime mail visto che la selezione non è chiusa. Per partecipare, basta inviare un’email con i propri dati e la fotografia all’indirizzo [email protected]com e nel marzo 2011 verrà proclamata la vincitrice.Le prime dodici fotografie saranno usate per realizzare un calendario nel 2012

Commenta!

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>