Gatto in casa, le regole per la convivenza – parte seconda 

di Fabiana Commenta

 

Un gatto in casa? La convivenza è possibile e senza ritrovarsi l’appartamento devastato da graffi e molto altro: ricordate che per una convivenza felice, il tipo di arredamento e gli  oggetti scelti per la casa dovranno essere quelli giusti per rendere la casa un luogo confortevole per il gatto e senza alcun tipo di stress. 

I sentimenti del gatto

Ecco la seconda parte del vademecum che arriva via Ansa da Massimo Beccati, Direttore sanitario della clinica Ca’ Zampa di Brugherio. 

6- Colore sì, ma non troppo

I gatti non vedono bene da lontano e soprattutto se c’è troppa luce. Meglio l’oscurità o comunque prediligere per l’arredamento o il colore delle pareti, colori come verde scuro o blu, evitando invece toni accesi come il giallo e l’arancione fluo;

7- Piante, addio

Meglio rinunciare alle piante: i gatti amano mangiare le punte delle piante e magari farvi i bisogni all’interno. Meglio rinunciare alla piante per non ritrovarsele semidistrutte. 

8- Recinto di protezione

Ricercate in casa un’are apposita dove costruire un kennel, una sorta di ricino, dove il gatto possa isolarsi in caso di necessità o mettersi in sicurezza o magari anche semplicemente farlo mangiare in tranquillità. 

9- Sì a materiali lavabili

Meglio scegliere prodotti con materiali facili da pulire in lavatrice; sono più igienici e più pratici da gestire. 

10- A tutta domotica

Il nuovo design a misura di pet è all’insegna della tecnologia: spazio a oggetti e telecamere che possono, non solo mostrare quello che accade in casa, ma anche monitorare l’animale in caso di necessità e controllare il suo benessere le sue attività quotidiane.

 

GATTO IN CASA, LE REGOLE DELLA CONVIVENZA, PARTE PRIMA

 

PGOTO CREDITS | THINKSTOCK

 

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>