Gatti strani, dal micio fotografo al cleptomane

di Paola P. Commenta

Quali sono i gatti più strani che avete conosciuto o di cui avete sentito parlare per le loro gesta non proprio da quattrozampe? Per strani intendiamo mici che hanno hobby o particolarità che li rendono diversi dagli altri, anche se, a conti fatti, tutti i nostri gatti sono speciali, anche quando non sanno fare i salti mortali. Personalmente mi hanno colpito, per i loro hobby, tanto da parlarne in servizi dedicati, due micioni dediti a passioni insolite: il primo, Cooper, è un fotografo, suo malgrado perché sono stati i proprietari ad attaccargli una telecamera per osservarne i movimenti di nascosto; il secondo, Dusty, è un cleptomane, di sua spontanea volontà stavolta, nel senso che purtroppo i proprietari non possono farci nulla, esce di soppiatto di casa di notte e va a rubare oggetti di tutti i tipi nelle case dei vicini, è nato con lo spirito di Lupin.

Poi ci sono gatti bravi a suonare il pianoforte o altri strumenti, altri le cui particolarità sono addirittura da Guinness, ad esempio quelli famosi per le loro fusa eccessivamente rumorose, penso a Smokey, una gatta inglese di dodici anni che si è aggiudicata il primato di felino più chiassoso del mondo, dal momento che il suo ronfare mediamente si aggira intorno ai 67.7 decibel, arrivando talvolta a sfiorare  i 90 decibel, un fracasso paragonabile a quello che fa un tosaerba.

Per non parlare dei micioni che sono diventati famosi in tutto il mondo per via del loro carattere testardo ed ostinato. Penso ad Almond, un gatto che vive su un albero, è lì che è nato e non vuole più scendere. A qualcuno ricorda la storia di Novecento di Baricco che non è mai sceso dalla nave su cui è nato.

E voi, conoscete altre storie di gatti che adottano comportamenti strani per un micio? Raccontatecele sulla nostra fan page o nei commenti, alla prossima dalla redazione di Tuttozampe!

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>