Storia della gabbianella salvata dal gatto

di Redazione Commenta

Una gabbianella sola e affamata viene adottata da un micio: succede in Liguria, come in un remake del libro di Sepulveda.

Ricordate il romanzo bellissimo di Louis Sepulveda, Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare? Ecco, pare proprio che in un paesino della Liguria sia divenuta realtà. Un piccolo cucciolo di gabbiano, incapace di volare da solo è caduto in un giardino, solo e affamato.

gabbianella

Il piccolo piangeva in maniera insistente, aveva fame: la donna che lo ha trovato ha aspettato, nel caso in cui venissero i genitori a recuperarlo, come accade in questi casi. Ma forse nessuno poteva occuparsi di quella gabbianella sola, forse i genitori l’avevano data per morta, forse erano periti loro stessi. Chissà.

Fatto sta che la donna altro non ha potuto fare se non dare un posto al riparo dai pericoli per questo uccello, sistemandolo in mezzo ai suoi gatti.  Il gabbiano si è accomodato tra i mici, trovando in particolare in uno di loro un amico fedele sul quale contare. Così Pullin questo è il nome che è stato dato al gabbiano, oggi è cresciuto, mangia da solo, e inizia a muovere anche le ali, aiutato dall’amicizia e dalle coccole che il gatto ha saputo dargli. Proprio come nel romanzo sopra citato!

A breve prenderà il volo, come giusto che sia: ma gli resterà nel cuore il bellissimo ricordo di un’amicizia con un animale così diverso da lui, ma in grado di dargli amore. L’istinto di un gatto sarebbe stato quello di cacciare il gabbiano, ma non in questo caso: e chissà che ogni anno il caro Pullin tornerà a trovare il suo amico felino!

Foto credit Thinkstock

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>