In estate aumentano abbandoni di tartarughe, pesci e uccelli

di Francesca Spanò Commenta

Aidaa conferma che soprattutto in estate quando arrivano le tanto sospirate ferie, i padroni senza problemi di coscienza che vogliono correre nelle località balneari o di montagna e non avere noie di nessun genere, non esitano ad abbandonare pure tartarughe, uccelli e pesci. Chi credeva, quindi, che il fenomeno fosse legato solo a cani e gatti dovrà ricredersi, ma questo non fa altro che preoccupare ancora di più gli amanti degli animali e le associazioni che si occupano della loro protezione.

Come fa sapere quindi l’associazione italiana difesa animali ed ambiente “la bella stagione e’ tempo di abbandono anche per gli animali esotici, i pesci ed i volatili di casa, quasi tutti destinati a morte certa.Se da una parte e’ importante registrare un forte incremento delle campagne contro gli abbandoni di cani e gatti e allo stesso tempo registrare una sensibile diminuzione di questi abbandoni grazie ad un’accresciuta sensibilita’ collettiva e personale ed anche grazie alle numerose campagne promosse da autorita’, associazioni e mass-media, dall’altra dobbiamo ricordare che purtroppo il fenomeno dell’abbandono non riguarda solo i nostri amici a quattro zampe, ma sono anche altre le specie che sono fortemente a rischio”.

Come continua Aidaa facendo un confronto con gli scorsi 12 mesi:”circa 300.000 i pesci, in particolare quelli appartenenti a razze esotiche, sversati nei fiumi, nei torrenti e nei canali oltre che negli stagni e nei laghi: Moltissimi di questi pesci sono morti ma quelli appartenenti alle specie piu’ resistenti si stanno riproducendo portando ad una vera e propria rivoluzione delle specie presenti nei nostri corsi d’acqua dove si calcola che negli ultimi 3 anni siano almeno 170 le specie ittiche alloctone presenti oramai in misura importante e che riproducono regolarmente nei nostri fiumi e torrenti”. E’ necessario quindi iniziare una serrata campagna di sensibilizzazione che possa aiutare pure tali specie che non devono essere considerate di seconda categoria perchè anche questi esseri viventi meritano tanto amore.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>