Diabete nel cane, cause, sintomi e cura

di cinzia iannaccio Commenta

diabete cane

Il diabete nel cane. Anche i nostri amici a quattro zampe possono soffrire di diabete mellito, una patologia che sta diventando sempre più comune negli animali domestici, di pari passo al loro aumento di peso. E’ una malattia importante, ma che può essere gestita. Scopriamone insieme alcune caratteristiche.

Cause del diabete nel cane

Il diabete (o diabete mellito) può essere di tipo 1 (essenzialmente una malattia ereditaria e su base autoimmune) o di tipo 2 (per lo più un disturbo metabolico, che va a braccetto con l’obesità). Nei cani si assiste essenzialmente al diabete di tipo 1  insulino-dipendente, che si verifica in quanto il pancreas non è in grado di secernere la preziosa sostanza, e dunque gli zuccheri, il glucosio, si accumulano nel sangue. La causa esatta non è conosciuta anche se esistono fattori noti che possono indurre al diabete mellito: problemi del sistema immunitario, pancreatite cronica, predisposizione genetica ed obesità, i principali.

I sintomi più comuni del diabete nei cani

  • Cambiamenti nell’appetito
  • Perdita di peso non giustificata dall’alimentazione
  • Aumento della frequenza nel bere e della quantità d’acqua assunta
  • Aumento della pipì
  • Tendenza alla disidratazione
  • Alito dall’odore lievemente fruttato, profumato
  • Sonnolenza
  • Frequenti infezioni delle vie urinarie
  • Vomito
  • Infezioni della pelle ricorrenti o croniche
  • Cataratta e cecità

Alcuni di questi sintomi come il bere eccessivo sono importanti per una diagnosi, anche precoce se notati subito, mentre per la cataratta e la cecità si arriva ad un danno ormai irreversibile provocato dalla malattia.

Razze canine predisposte al diabete

Il diabete nei cani tende a svilupparsi tra i 6 ed i 9 anni, essenzialmente nelle femmine in deciso sovrappeso. Può capitare a qualunque cane, anche se una maggiore incidenza si rileva nei Terrier australiani, negli Schnauzer nani e di media taglia, nei bassotti e nei barboncini. Il diabete giovanile è particolarmente frequente tra i Golden Retriever ed i Keeshonds.

Cura del diabete nei cani

La terapia è piuttosto complessa perché va attuata in base alla gravità dei sintomi, all’età del cane e ad altri eventuali problemi di salute dell’animale. Il diabete non ha una cura definitiva, ma con alcune accortezze e terapie si può tenere sotto controllo. La risposta ai trattamenti come per gli umani, è molto individuale. Alcuni cani arrivano alla diagnosi già gravemente malati e necessitano una terapia salvavita intensiva, con ricovero in struttura veterinaria per ristabilire i giusti livelli di glucosio nel sangue. Per gli altri è necessaria una terapia farmacologica per bocca o più semplicemente una dieta ricca di fibre. Molti cani necessitano però di iniezioni di insulina, da praticare con attenzione con i dovuti controlli anche  a casa della glicemia. In ogni caso il peso andrà tenuto sotto controllo anche grazie ad un costante esercizio fisico. Con tutte queste accortezze il vostro cane potrà vivere felice e tranquillo. Per approfondimenti leggete anche:

Foto: Getty Images

Fonte: Petswebmd

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>